Roma shock, Sfregia due preti nella basilica Santa Maria Maggiore: “La Chiesa non mi capisce”

Momenti di panico si sono vissuti nella giornata di ieri nella Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma, proprio dove il Papa va a pregare prima e dopo i suoi viaggi, dove stando a quanto è emerso dalle prime ricostruzioni, sembra che un uomo ovvero un pregiudicato sia entrato all’interno della Basilica con in mano con un coccio di bottiglia aggredendo un sagrestano e ferendo al volto un altro sacerdote, ovvero il padre superiore dei frati dell’Immacolata. E’ questo quanto accaduto nella giornata di ieri, come già anticipato all’interno della Basilica di Santa Maria Maggiore dove un uomo, identificato poi in Renzo Cerro, è entrato ferendo due religiosi. Vittime di Renzo Cerro, 41enne pregiudicato di Roccasecca in provincia di Frosinone sono, come già anticipato, due religiosi, ovvero padre Angelo Gaeta un addetto alla sagrestia della chiesa e padre Adolfo Ralph dei frati dell’Immacolata. L’aggressore, pare sia originario della provincia di Frosinone, e si tratterebbe ancora di un senza tetto, un uomo piuttosto violento, il quale in passato pare abbia sofferto di problemi psichici che lo hanno portato ad avere problemi anche con la giustizia.

Come già anticipato, l’uomo pare sia entrato nella basilica di Santa Maria Maggiore, costantemente sorvegliata a vista da pattuglie di militari e presieduta con blindati e mitra, e proprio sulla base di questi dati non si riesce a capire come l’aggressore sia riuscito ad entrare con un coccio di bottiglia con il quale ha aggredito i religiosi. Una volta superati i controlli, dunque, il senzatetto pare sia entrato nella Basilica e con il coccio di bottiglia ha aggredito uno dei due religiosi in sacrestia, proprio mentre in chiesa erano presenti molti fedeli; subito dopo avrebbe ferito anche l’altro religioso, ovvero Adolfo Ralph. Entrambi, immediatamente soccorsi, pare siano stati ricoverati in ospedale ed il sagrestano sembra essere quello in condizioni più gravi. Il padre superiore, invece, dopo essere stato medicato e stato dimesso ed tornato in Basilica.

L‘aggressore, invece, subito dopo aver sfregiato al volto i due sacerdoti, pare si sia dato alla fuga, ma i carabinieri in servizio proprio nella zona della Basilica, pare siano riusciti a fermarlo ed arrestarlo. L’arresto è stato eseguito dai militari della compagnia di piazza Dante in servizio di vigilanza all’esterno della basilica. “Non ce l’avevo con loro due, ma sono un incompreso, la Chiesa non mi ha capito”, ha detto l’aggressore ai carabinieri della compagnia di Piazza Dante che lo hanno arrestato. Non si conoscono, al momento, i motivi che hanno spinto il 41enne ad aggredire e ferire i due sacerdoti. L’uomo fermato dai carabinieri è stato portato in caserma ed è apparso ai carabinieri in evidente stato di agitazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.