Postino ruba 15 mila euro, giudice sentenza shock: “Reintegrare il dipendente perché licenziato troppo tardi”

La sentenza è stata emanata dal giudice del lavoro del tribunale di Chieti. “La società disponeva sin dal 2012 di tutti i dati sufficienti per procedere a una contestazione disciplinare. L’attesa della sentenza di condanna, quindi, non si giustifica e la contestazione formale è irrimediabilmente tardiva”, si legge nel testo che impone il reintegro.

Vasto. Una storia per certi versi clamorosa quella iniziata nell’estate del 2012, quando a un 58enne in servizio nelle filiali delle Poste di Vasto dal 1982, era stato contestato il reato di appropriazione indebita di oltre 14mila euro dall’ufficio Poste Impresa della sede centrale di Vasto, in via Giulio Cesare.

L’impiegato infedelecondannato e licenziato per aver rubato15mila euro dalla cassaforte dell’ufficio postale di Vasto, dovrà essere reintegrato con tante scuse: il giudice del Lavoro ha annullato il b ordinando a Poste Spa di versargli un anno di stipendi arretrati e pagare le spese legali.

Questa vicenda potrebbe avere del simpatico, se non fosse che è avvenuta davvero.

Un paio di mesi dopo il furto, a ottobre 2012, la direzione lo trasferisce a Chieti. Scattate poi le misure cautelari disposte dal giudice delle indagini preliminari, il dipendente venne sospeso dal lavoro, ma il 12 maggio del 2014 ottenne su istanza dei suoi avvocati – che da mesi inviavano decreti ingiuntivi per recuperare gli stipendi secondo loro dovuti – un primo reintegro formale.

Nel frattempo le Poste avevano deciso di sospenderlo in attesa della sentenza.

Troppo tardi, però. A sancirlo il tribunale del lavoro, secondo cui l’ente avrebbe dovuto cacciare subito l’impiegato infedele, e non dopo la sentenza (che poteva, in teoria, essere di assoluzione). Ma contro la sospensione i suoi legali presentano appello e ottenendo il reintegro.

La società disponeva sin dal 2012 di tutti i dati sufficienti per procedere a una contestazione disciplinare” si legge nella sentenza. Così, rieccolo in ufficio a Chieti; ma tenuto a scaldare sedie o poco più, parcheggiato in attesa di condanna, e tuttavia anche questo ora rischia di essere un passo falso: per il demansionamento si profila una nuova battaglia legale…

Il postino si gode la vittoria: “Sono contento di poter ricominciare a lavorare“. Oggi il giudice del lavoro ha deciso di reintegrare il lavoratore. Basta pensare alla difficoltà di cercare testimoni su fatti vecchi un quinquennio. Quindi l’impiegato non va licenziato perché non è stato licenziato subito. Ma non l’hanno fatto, e dopo il danno ecco la beffa.

Il Signor Postino ruba 15mila euro, centesimo in più centesimo in meno. Che fanno i capi? Lo trasferiscono, lo sospendono, e dopo la condanna in primo grado lo licenziano, come è giusto che sia. E invece poi arriva un altro giudice, che non solo lo reintegra, ma gli fa avere tutti gli stipendi arretrati e pure il rimborso delle spese legali. Perché sarà pure un ladro, ma è una vittima, e va premiato.
Non è il remake con qualche furto in più e qualche omicidio in meno de “Il postino suona sempre due volte” ma la trama, ancor più thriller, di una vicenda consumatasi nella sede centrale delle Poste di Vasto. Là, nell’ estate del 2012, il dipendente P. R. ruba dalla cassaforte 14.500 euro, e viene incastrato da un’ intercettazione in cui si mostra intenzionato a restituire il maltolto temendo di essere scoperto: «Mi sa che mo’ che glieli riporto», dice. Due mesi più tardi l’ azienda lo trasferisce a Chieti e poi lo sospende, non appena il giudice per le indagini preliminari dispone nei suoi confronti le misure cautelari. A seguito dell’ istanza dei suoi avvocati e della fine del provvedimento restrittivo, l’ impiegato viene reintegrato nel maggio 2014, sempre nell’ ufficio di Chieti. Intanto però, nell’ agosto 2016, arriva la sentenza penale di primo grado: P. R.
viene condannato a un anno e nove mesi (con pena sospesa) per appropriazione indebita. A quel punto, nell’ ottobre dello stesso anno, Poste Italiane provvede a licenziarlo. Il licenziamento viene tuttavia impugnato dai legali del postino, che si appellano al giudice del Lavoro. E qua si compie il “miracolo”. La giudice del tribunale di Chieti, Ilaria Pozzo, decide il reintegro del postino e dispone anche che gli vengano versati gli stipendi arretrati (circa 1.860 euro al mese) oltre alle spese legali, pari a 7mila euro. Con quali motivazioni?
Leggete un po’: «La società», scrive la giudice, «sin dall’ ottobre 2012 disponeva di tutti i dati sufficienti per poter procedere a una contestazione disciplinare. Non si giustifica quindi l’ attesa della sentenza di condanna per la formulazione della contestazione, che deve ritenersi irrimediabilmente tardiva» da cui «l’ illegittimità del licenziamento». Riassumendo, Poste Italiane ha sbagliato a essere troppo garantista nei confronti del suo dipendente, a temporeggiare prima di licenziarlo e a dargli un residuo credito di innocenza fino alla sentenza di condanna. No, secondo la giudice del Lavoro, avrebbe dovuto licenziarlo in tronco. E, siccome non lo ha fatto, adesso deve reintegrarlo e restituirgli il maltolto (perché stai a vedere che, alla fine, chi ha sottratto soldi al dipendente sono addirittura le Poste e non il contrario). Complimenti. Veramente un capolavoro di logica aristotelica. Tu rubi.
L’ azienda è comprensiva e ti licenzia solo molto tempo dopo. L’ azienda deve immediatamente ridarti il posto. Pensi allora che questo potrebbe diventare un precedente interessante in un doppio senso. Da un lato, un liberi tutti ai ladri: ma sì, rubate pure, intascatevi i risparmi degli italiani, tanto se non vi licenziano subito, vi ridaranno il posto di lavoro, i soldi vostri e magari pure quelli che avete rubato. Dall’ altro, le aziende, al primo sospetto di un furto possibile, non provato, o comunque non ancora condannato, inizieranno a inviare (per posta, va da sé) lettere di licenziamento. Alla faccia del principio di innocenza e del garantismo spicciolo.
Ma c’ è un ulteriore e gustosissimo paradosso. Nei mesi in cui era stato riammesso nell’ ufficio di Chieti dopo la fine delle misure cautelari, P. R. sostanzialmente non aveva avuto un incarico perché sistemato lì, quasi parcheggiato, in attesa delle sentenza. E a questo potrebbero appellarsi i suoi legali per fare e, chissà, vincere una causa per demansionamento. Sarebbe il colpaccio finale. A quel punto, ci manca solo che i dirigenti gli facciano pure le scuse formali in diretta tv.
Magari a “C’ è Posta per te”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.