Ryanair, è caos a Bologna: voli cancellati per oltre 400 mila passeggeri

E’ caos a Bologna dove sono stati cancellati molti voli Ryanair e molti passeggeri sono rimasti a terra. Nello specifico sono solo tre i voli in partenza dal Marconi cancellati per la giornata di oggi martedì 19 settembre e altrettanti quelli in arrivo, mentre sono due quelli previsti per mercoledì 20 settembre e lo stesso numero per quelli in arrivo. Nella giornata di sabato, erano stati sei voli annullati e 8 quelli di domenica. Si tratta di una situazione che ha davvero dell’incredibile e che ha fatto scatenare inevitabilmente una polemica. Secondo quanto riferito, saranno oltre 2000 i voli cancellati fino a fine ottobre da Ryanair con un ritmo che potrebbe anche arrivare fino a 50 volte al giorno. Il 2% dei 2500 collegamenti quotidiani necessario per migliorare la puntualità dei voli che nelle prime due settimane di settembre è passata dal 90% a meno del 80%, a causa di una concomitanza di fattori ovvero il maltempo, gli scioperi dei controllori di volo, la necessità di smaltire le ferie dei piloti e del personale di cabina.

Ad aggravare la situazione pare ci sia anche il fatto che diversi piloti abbiano deciso di lasciare la compagnia perché allettati da condizioni migliore offerte da compagnia concorrenti. A tal riguardo, il CEO di Ryanair Michael O’Leary pare abbia accusato le rivali di Gran Bretagna, Germania, Irlanda e ha puntato il dito anche contro la Norwegian Airlines, che negli ultimi tempi pare abbia portato via circa 140 piloti. Dal canto suo Ryanair però ha fatto sapere che ben presto ingaggerà piloti dall’Italia e da Air Berlin. Nella giornata di ieri è stata diffusa la lista contenente tutti i voli cancellati e la stessa azienda ha con un tweet ha chiesto ai clienti di controllare se il loro viaggio fosse compreso tra i 40 e 50 al giorno che saranno cancellati nelle prossime sei settimane.

Riceverete anche un sms e una mail se è tra quelli sospesi” spiegano dalla compagnia low cost. “È chiaramente un disagio ma avviene in un contesto in cui gestiamo oltre 2.500 voli ogni giorno: è un disagio abbastanza contenuto anche se questo non cancella gli inconvenienti che abbiamo causato ai viaggiatori”, ha aggiunto il CEO di Ryanair.

Sulla questione è intervenuto anche il ministro dei Trasporti Graziano Delrio il quale ne ha parlato alla Festa dell’Unità di Imola dichiarando: “La situazione che è stata creata con la cancellazione dei voli Ryanair è molto grave. Sono stati provocati gravi disagi ai nostri cittadini e noi pretendiamo un rispetto assoluto dei diritti del passeggero”. Lo stesso ministro ha anche aggiunto di avere chiamato Enac affinché ci sia la massima vigilanza e nello specifico ha anche parlato di rimborsi completi, riprogrammazione dei voli e compensazioni ovvero multe per questi disagi che sono stati creati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.