Sciopero generale 8 marzo 2017, disagi per viaggiatori e pendolari: info orari e fasce garantite

Un’ultima annotazione: lo sciopero generale coinvolgerà anche i trasporti aerei dalla mezzanotte di martedì 7 marzo alle 23.59 di mercoledì.Lo sciopero è stato promosso a livello internazionale dal “Movimento Internazionale delle Donne”. Molti i settori in cui potrebbero registrarsi disagi: scuola, università, sanità, enti pubblici di ricerca e alta formazione. Sarà un 8 marzo da battaglia quello per il trasporto pubblico locale, e non.Trenord informa che Cub Trasporti, Sgb Sindacato Generale di Base e Usb – Lavoro Privato hanno proclamato uno sciopero da mezzanotte alle 21 di mercoledì 8 marzo. Si fermano anche i dipendenti di tutte le aziende pubbliche e private del servizio sanitario nazionaleaderenti a Cub-Sanità.

ROMA – A Roma a rischio il trasporto pubblico per lo sciopero di 24 ore indetto tra i lavoratori dell’Atac dai sindacati Orsa Tpl e Faisa Cisal e tra il personale della Roma Tpl dai sindacati Cgil, Cisl, Uil e Usb. Saranno inoltre garantiti – sostiene Fs – i convogli elencati nell’apposita tabella dei treni previsti in caso di sciopero, consultabile sull’orario ufficiale di Trenitalia e sul sito trenitalia.com nella sezione “in caso di sciopero“.

Il servizio sarà regolare durante le due fasce di garanzia, vale a dire fino alle 8,30 e dalle 17 alle 20. Pertanto il servizio Regionale, Suburbano, Aeroportuale, così come la lunga percorrenza di Trenord, potrebbero subire ritardi, variazioni e/o cancellazioni.

Per chi si sposta con metropolitana, bus e tram è bene sapere che nella città di Milano (e quindi anche nel Nordmilano) l’agitazione è prevista dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 al termine del servizio.

I collegamenti aeroportuali “Milano Cadorna/Milano Centrale – Malpensa Aeroporto” e “Malpensa Aeroporto – Bellinzona” saranno sostituiti da autobus navetta per le tratte “Luino – Malpensa Aeroporto” e “Malpensa Aeroporto – Milano Cadorna”. Viaggeranno i treni inseriti nella lista dei “Servizi Minimi Garantiti“.

Per informazioni sui treni e sulle fasce di garanzia garantite da Trenord, Trenitalia e Ntv cliccate qui.

E sul carro della “piattaforma globale” sono saliti subito pure i localissimi sindacalisti dell’Atac e dell’Atm. Che cosa c’entri con l’8 marzo e la giornata di riflessione sulla violenza contro le donne il mancato arrivo dell’83 da Testaccio a via Barberini, resta infatti un mistero.
La risposta sta forse nella vetustà della strategia scelta. Lo sciopero. Come se non fosse rimasto altro, nel repertorio, per richiamare l’attenzione su molte e giuste rivendicazioni, da quelle del lavoro
a quelle, appunto, dell’insicurezza del vivere con maschi maneschi.
Certo, è difficile tenere alta l’attenzione su una data simbolo, l’8 marzo, mentre la voglia di festeggiare (ma festeggiare che?) sembra del tutto ingiustificata. Perciò, se manca la festa, resta la protesta. Ma proprio sullo sciopero si doveva planare?
Dice: trovalo tu un modo meno scontato, meno banale per far capire che le donne, girandosi un attimo, hanno scoperto di non aver dietro nessuno, non la politica che le usa e le getta, non le grandi aziende che in fondo non hanno
mai amato la legge sulle quote nei board. D’accordo, per l’anno prossimo ci faremo venire idee migliori. Però, per quest’anno, diciamocelo: lo sciopero dell’8 marzo è una minestrina riscaldata, una cosa da photo opportunity. Meglio che niente? Sia. Ma certe volte quel che non lascia traccia, lascia delusione.
In Italia, per di più, alla minestrina riscaldata dalla movimentazione internazionale, si aggiunge il danno. L’8 marzo, l’astensione dal lavoro coinciderà con l’astensione dei trasporti, genialata decisa dai soli sindacati di base. Per te-
nere a casa tutti, donne, uomini, bambini? Mistero. Nel suo essere paradossale, il blocco dei trasporti l’8 marzo offre perfino più di una lettura. Proviamo a immaginarne qualcuna.
Lettura n. 1 – L’hanno deciso in una riunione per soli uomini, di quelle tenute a tarda sera, in cui ancora si fuma. Nessuno si ricordava che l’8 marzo è l’8 marzo ed è andata così. D’altra parte s’era fatto tardi, e le Marlboro erano finite.
Lettura n. 2 – Lo sciopero dei trasporti è stato indetto nel corso di una riunione mista, con sindacalisti uomini e sindacaliste don-
ne. I primi hanno convinto le seconde con il seguente argomento: un bello sciopero dei trasporti rafforza e potenzia lo sciopero globale delle donne. Per dire: l’8 marzo a Roma, l’associazione che riunisce 77 Centri antiviolenza manifesterà insieme alla rete #nonunadi- meno. Vuoi mettere come sarà creativo spostarsi verso il centro dalla periferia? E chissà quale sistema escogiteranno le ragazze della libreria Tuba Bazar del Pi- gneto per unirsi ai cortei… Forse in bicicletta, in monopattino… In macchina no, si sa che nessuna persona sensata, potendo, intraprende un viaggio verso il centro in giornate di sciopero dei mezzi.
Lettura n. 3 – Interpretazione alla “famolo strano”. Poiché lo sciopero delle donne in chiave di protesta è una evidente richiesta di attenzione, ci si nota di più se pure gli autobus non viaggiano.
In tutto ciò resta il mistero delle sindacaliste di base che, se c’erano, hanno caldeggiato il blocco dei trasporti proprio nel giorno in cui altre donne cercano di sbloccare diritti (incluso quello di non farsi ammazzare). Qui le ipotesi sono due: o le sindacaliste di base pensano davvero che si tratti di una decisione geniale. Oppure hanno aderito allo sciopero globale dell’8 marzo in anticipo. Per questo alla riunione in cui si è stabilito di fermare treni e autobus loro non c’erano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.