Selfie e chiacchiere con il caro defunto, possibile grazie all’app With me

Oggi come oggi con lo smartphone si può fare davvero di tutto e non sembrano esistere più limiti. L’ultima novità sembra essere quella di far rivivere un caro defunto attraverso lo smartphone, rifuggendo dal dolore della perdita e continuando così a vivere momenti di felicità con chi purtroppo ci ha lasciato e non è più tra noi. Si tratta di un progetto al quale sta lavorando attualmente una compagnia sudcoreana Elrois e si tratterebbe di un’app chiamata With Me, che permette di trasformare le persone amate in avatar grazie alla tecnologia 3D ed ancora all’intelligenza artificiale. L’applicazione è stata messa a punto da Elrois un’azienda specializzata in tecnologie 3D, che frutta dunque la tridimensionalità considerata indispensabile per il funzionamento dell’applicazione, che richiede come prima mossa quella di scannerizzare in 3D le persone che si vogliono tenere a portata di smartphone; lo scanner sostanzialmente non fa altro che creare un avatar dei propri cari che possono essere fatti comparire mentre ci si scatta una foto.Ma non finisce qui, perchè sfruttando l’intelligenza artificiale, l’applicazione in questione permette di dialogare con l’avatar.

Con l’avatar, che rappresenta la persona scomparsa, si ci potrà chiacchierare, si potranno fare i selfie e giocare, percè l’applicazione With me, permette di riconoscere movimenti ed emozioni ed ancora risulta essere in grado di adattare le espressioni facciali per ottenere l’effetto più realisti possibile e dunque se l’amico reale sorride, anche l’avatar a sua volta sorriderà e se l’amico reale da un bacio, l’avatar porgerà la guancia. Coloro che vorranno attivare l’applicazione per la prima volta, dovranno nello specifico inserire una serie di informazioni personali che andranno a far parte dell’avatar che ricorderà.

“L’abbiamo pensata per chi ha perso un amico o un familiare e sta avendo difficoltà nel superare il lutto, ma può essere utile anche alle persone che soffrono di depressione o di ansia, per gli anziani o i disabili. Pensiamo che gli avatar possano essere la nuova strada per risanare le ferite del cuore e per l’assistenza sanitaria”, ha dichiarato il portavoce di Elrois, Eunjin Lim, il quale ha aggiunto che al momento lo scoglio più grande è quello di superare la scansione elle persone in 3D.

A tal riguardo viene spiegato che per trasformare un individuo in un avatar bisogna passare per una cabina fotografica 3D, dove tra i 72 e i 112 obiettivi immortalano ogni parte del corpo per poi assemblare l’immagine su un pc. Secondo quanto è emerso dalle ultime dichiarazioni sembra che l’Elrois stia lavorando anche ad un altro progetto, ovvero la creazione di un grande archivio, un negozio chiamato l’Avatar Cloud Service, dove si potranno trovare tutti gli avatar prodotti e da cui sarà possibile comprare accessori. “Si chiamerà ‘Vaw’, Vivid Avatar World, e lo lanceremo alla fine dell’anno. All’interno verranno caricati anche gli avatar delle celebrità, vestiti e oggetti utili per migliorare l’esperienza di vita con l’avatar. A breve inizieremo a contattare gli agenti delle star”, ha dichiarato il portavoce di Elrois Eunjin Lim.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.