Siracusa, donna maresciallo si suicida in casa: ferito il compagno poliziotto, si erano sposati da pochi mesi

0

E’ mistero in Sicilia e nello specifico in provincia di Siracusa, dove una donna si è uccisa sparandosi un colpo di pistola nella sua abitazione. La donna si chiamava Licia Gioia ed era un sottoufficiale dell’Arma, maresciallo dei carabinieri, originaria del Lazio ma residente a Siracusa; la tragedia sembra sia avvenuta alla periferia sud di Siracusa, all’interno dell’abitazione della donna, una vietta dove la stessa viveva insieme al marito, un poliziotto pugliese di 45 anni, di nome Francesco Ferrari, il quale è rimasto ferito da un colpo di arma da fuoco, molto probabilmente nel tentativo di disarmarla e tentando di bloccarla dal compiere il tragico gesto.

Licia Gioia e Francesco Ferrari si erano sposati da pochi mesi, ovvero nel mese di maggio 2016 dopo che lui aveva ottenuto il divorzio dalla prima moglie dalla quale aveva avuto un figlio, oggi 14enne che viveva insieme al padre e dunque presente in casa al momento della tragedia; il 14enne, secondo una prima ricostruzione, pare si trovasse al piano di sopra, a letto quando intorno all’una di notte è stato svegliato dalle urla del padre e della donna, seguite poi da due spari.

Non sono, dunque, ancora chiari dinamica e movente ma è certo che si sia trattato di suicidio. Il Procuratore di Siracusa, Francesco Paolo Giordano ha aperto un’inchiesta delegando le indagini alla squadra mobile della Questura ed al reparto operativo dei carabinieri del comando provinciale; sempre nella giornata di ieri, il Pm Marco Di Mauro ha disposto il sequestro dell’immobile e delle armi in uso alla carabiniera ed al poliziotto ed inviato i militari del Ris per i rilievi scientifici e gli accertamenti balistici. Disposta per la giornata di oggi anche l’autopsia sul corpo della donna, che toglierà ogni dubbio. Al momento non è stata esclusa nessuna ipotesi, anche se quella più probabile sembra essere quella del suicidio, ma come anticipato, saranno le indagini congiunte di Polizia e Carabinieri coordinate dal Procuratore Marco Di Mauro a chiarire la dinamica.

Il fatto, secondo una prima ricostruzione, sarebbe avvenuto mentre la coppia si trovava a letto e sembra che i due fossero seduti uno di fronte all’altra e che stavano discutendo animatamente; una discussione piuttosto violenta in piena notte culminata in modo davvero drammatico, ovvero con la morte della donna ed il ferimento del marito. Non sembra ci fossero problemi tra marito e moglie, normali liti nella vita di coppia per lo più riconducibili alla normale dialettica tra moglie e marito, anche se secondo alcune indiscrezioni sembra che la loro fosse una relazione intensa, con qualche lite di gelosia, che potrebbe anche essere il movente della tragedia. Il maresciallo era una donna alta, atletica, ex giocatrice di basket a ottimi livelli ed era in servizio da qualche anno alla stazione dei carabinieri del comando provinciale di viale Tica.

Rispondi o Commenta