Strage ferroviaria di Viareggio, condannati i manager: 7 anni per Elia e Moretti

Sono arrivate le condanne nei confronti degli ex vertici di Ferrovie, Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia per la strage di Viareggio, ovvero il disastro ferroviario del 2009 che causò la morte di ben 32 persone. Sembra che tra i colpevoli spunti il nome di Mauro Moretti ovvero l’ex ad di Rfi e di Ferrovie che al momento sembra essere a capo di Finmeccanica per il quale i giudici di Lucca hanno già deciso una pena a 7 anni in una sentenza. Condannati anche l’ex ad di Rfi e Ferrovie Mauro Michele Elia che al momento sembra essere il country manager al Tap per l’Italia e l’ex ad di Trenitalia Vincenzo Soprano. Secondo quanto riferito l’accusa pare avesse chiesto 16 anni per Moretti e 15 per Elia. La sentenza di condanna, dunque, sembra essere arrivata dopo ben otto anni dalla sentenza di primo grado sulla strage ferroviaria di Viareggio del 2009 e come anticipato, sono trentatré gli imputati come persone fisiche e nove le società coinvolte nel processo.  “Esprimo parziale soddisfazione per l’assoluzione di Mauro Moretti nella sua veste di amministratore di Ferrovie dello Stato”, detto l‘avvocato Armando D’Apote, legale sia di Moretti che di Fs, il quale subito dopo ha aggiunto di registrare come scandaloso l’esito del processo e rilevo il frutto del populismo che trasuda dalla sentenza.

Le condanne più pesanti, sembra sia state inflitte ai responsabili della Gatx Rail ovvero la società che aveva affittato i carri cisterna alle Ferrovie dello Stato, mentre all’amministratore di Gatx Rail Germania ovvero Rainer Kogelheide sono stati inflitti nove anni e sei mesi, e poi ancora nove anni anche per Johannes Mansbarth ovvero l’amministratore delegato di Gatx Rail Austria ed ancora nove anni per Uwe Konnecke responsabile delle Officine Jungenthal di Hannover, infine otto anni per Andreas Schroter delle Officine Jungenthal, a Helmut Brodel, Uwe Kriebel, sempre della Jungenthal. Assoluzioni, invece, per 8 dei 33 imputati per non aver commesso il fatto e nello specifico sono stati assolti: Andreas Barth dell’Officina Jungenthal di Hannover, Andreas Carlsson, sempre della Jungenthal di Hannover, Joachim Lehmann, supervisore esterno della Jungenthal, Massimo Vighini, Calogero Di Venuta, responsabile della Direzione compartimentale di Firenze Movimento Infrastrutture, Giuseppe Farneti, sindaco revisore di Fs prima e poi di Italferr, Gilberto Galloni, ad di Fs Logistica, Angelo Pezzati, predecessore di Di Venuta, Stefano Rossi e Mario Testa.

“Le procure non si accontentano mai. Noi avevamo chiesto 33 condanne, sono state condannati 23 imputati. Siamo contenti perché finalmente abbiamo avuto un’affermazione di un giudice collegiale. Non è stato un incidente, in futuro si devono evitare quanto successo”. Lo ha detto il procuratore di Lucca, Pietro Suchan. “E’ una sentenza importantissima, un grosso passo avanti anche verso il profilo della sicurezza”. Inflitta anche una pesante sanzione da 700.000 euro a Rfi e Trenitalia 480.000 euro per società Gruppo Gatx.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.