Telegram attiva le chiamate vocali su Android e iOS

Infine, Telegram 3.18 per iOS e Android include una nuova opzione che permette di scegliere fino a 5 livelli di compressione dei video.

Dopo l’avvistamento sulla versione beta, Telegram ha ufficialmente annunciato che le chiamate vocali sono in fase di rollo
ut in Europa Occidentale
(quindi anche in Italia).Per le chiamate audio, Telegram punta tutto su tre punti fondamentali: sicurezza, qualità audio e intelligenza artificiale.

Telegram Messenger è usata nel mondo da oltre 100 milioni di utenti, e una delle caratteristiche che ha contribuito al successo dell’app è certamente il livello di sicurezza offerto ai suoi utenti, trattandosi di una delle prime app che ha introdotto la crittografia end to end per mantenere al sicuro le conversazioni via chat.

Telegram garantisce l’utilizzo dei migliori codec audio durante le telefonate – che, quando possibile, sfrutteranno la connessione peer-to-peer – al fine di risparmiare dati pur mantenendo un livello qualitativo eccellente.

Tutta la tecnologia alla base delle chiamate vocali è nascosta sotto il “cofano”.

Telegram assicura inoltre un’adeguata velocità di esecuzione anche in condizioni non ottimali.

Ogni volta che si effettua una chiamata vocale su Telegram, una rete neurale apprende dal feedback dell’utente e del dispositivo, anche non avendo accesso ai contenuti della conversazione, ma solo alle informazioni tecniche della chiamata come la velocità della rete, tempi di connessione ai server, percentuale di perdita di pacchetti, e altro ancora. “Le chiamate vocali – si legge sulla nota ufficiale degli aggiornamenti – sono sicure, cristalline, costantemente migliorate dall’intelligenza artificiale“.

Telegram intende migliorare la qualità delle chiamate ulteriormente nei prossimi mesi, grazie al machine learning integrato nella piattaforma, che imparerà mano a mano che gli utenti utilizzeranno il servizio.

Non è un mistero che Telegram utilizzi un sistema di crittografia end-to-end per le sue chat, e le nuove chiamate non sono da meno.

Nelle impostazioni della privacy è possibile scegliere chi può effettuare le chiamate (tutti, solo i contatti o nessuno) e creare blacklist o whitelist per escludere o includere singoli utenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.