Terremoto tra Spoleto e Terni, torna la paura: scuole evacuate

Un terremoto di magnitudo 3.9 è stato avvertito dalla popolazione in Centro Italia. Coordinate geografiche (latitudine, longitudine) della scossa di terremoto 45.78, 11.16; profondità delle scosse di terremoto 11 km. Una scossa di media intensità, ovvero 3.7 della scala Richter è stata registrata nella giornata di ieri e nello specifico nella mattinata intorno alle ore 10.58; a registrarla è stata l’Istituto Nazionale di Geofisica che nel pomeriggio ha registrato un’altra scossa, questa volta di magnitudo 3.5 avvenuta intorno alle ore 15.14, entrambe con epicentro a 7 chilometri da Spoleto in provincia di Perugia.

A Spoleto e a Terni, dopo la scossa, è stato deciso di far uscire gli studenti da tutte le scuole di ogni ordine e grado. Al momento non vengono segnalati danni a persone o cose. Secondo quanto riporta Umbria24.it, la scossa delle 10.58 ha costretto Ferrovie dello Stato a sospendere la circolazione dei treni tra Baiano e Giuncano a causa di un guasto al sistema di distanziamento, provocato proprio dalla scossa.

A Spoleto lo scorso 2 gennaio la terra aveva tremato con una scossa di magnitudo 4,1 ed epicentro ad Azzano dove si era registrato anche il crollo in abitazione e diverse nuove inagibilità. Alcuni comuni, entro 20 km dall’epicentro, in cui sono state registrate le scosse telluriche: Spoleto, Ferentillo, Montefranco, Acquasparta, Arrone, Terni, San Gemini, Scheggino, Sant’Anatolia di Narco, Montecastrilli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.