Terremoto, nuova scossa di magnitudo 6.2 in Messico 3.4 in Corea del Nord: sospetto nucleare

Continua a tremare la terra in Messico e una nuova scossa di terremoto è stata registrata alle ore 14:53 ora italiana dalll‘ Istituto di sismologia americano il quale ha fatto sapere che si è trattato di un sisma di magnitudo 6.2 e che l’epicentro si è verificato nello stato meridionale di Oaxaca, a 32 km circa di profondità. La zona colpita si trova a circa 400 km a sud-est di Città del Messico e nonostante la scossa si sia registrata a distanza, gli abitanti della capitale hanno raccontato di avere visto gli edifici oscillare. Un vero e proprio incubo dunque quello che stanno vivendo da parecchi giorni i messicani,  visto che nella giornata di ieri per ben tre volte è suonato l’allarme antisismico e molti residenti sono corsi strada mentre i soccorritori hanno continuato a scavare sotto le macerie lasciate dal sisma martedì 19 settembre, per cercare di trovare ancora dei corpi.

Purtroppo al momento non si hanno ancora notizie certe sui nuovi danni e proprio a tal riguardo è intervenuto Eliodoro Diaz responsabile della Protezione Civile di Oaxaca il quale ha informato che secondo i primi dati disponibili le scosse di assestamento sono stati due, una di magnitudo 5.7 e la seconda di magnitudo 3.4 i quali hanno causato allarme nella popolazione ma non hanno causato delle conseguenze importanti. Intervenuto anche il responsabile nazionale dell’agenzia Luis Felipe Puente il quale ha dichiarato che la scossa è stata sentita in forma moderata e che fortunatamente non sono registrate nuove vittime, anche se due persone sarebbero decedute in seguito ad un infarto è questo quanto reso noto dal sindaco della Capitale Miguel Angel Mancera.

Come abbiamo già riferito, purtroppo la nuova scossa è arrivata mentre i soccorritori  stavano ancora svolgendo le operazioni di aiuto e salvataggio per le persone colpite dalle precedenti scosse di terremoto che ricordiamo ha causato 293 morti, 155 dei quali sono in Città del Messico. Sempre nella giornata di ieri un altro terremoto è stato registrato in Corea del Nord e si sarebbe trattato di un sisma di magnitudo 3.4. Questa scossa di terremoto pare abbia sollevato dei timori di un nuovo test nucleare e proprio a tal riguardo, l‘Agenzia meteorologica della Corea del Sud ha fatto sapere che sta compiendo altre verifiche ma che tutto fa pensare che si sia trattato di un sisma naturale.

Intanto l’amministrazione cinese parla di sospetta esplosione spiegando che la scossa è stata registrata a profondità 0 km e dunque in superficie.Il terremoto di ieri nello specifico è stato rilevato nella contea di Kilju la provincia di Hamgyong settentrionale ed è proprio in questa zona che si trova il sito nucleare nordcoreano di Punggyeri e come accaduto in passato, i precedenti test nucleari compiuti hanno determinato terremoti di magnitudo 4.3 a salire e l’ultimo test risale proprio lo scorso 3 settembre quando è stato rilevato una terremoto di magnitudo 6.3.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.