Terremoto: scossa di magnitudo 4.6 in Albania fa tremare anche la Puglia, tanta paura ma nessun danno

0

Continua a tremare la terra in Italia e on solo, visto che nella giornata di ieri una scossa di terremoto piuttosto forte è stata avvertita dalle popolazioni residenti nel Salento e nel Brindisino intorno alle ore 18.04 di ieri.Secondo quanto riferito dal Centro nazionale terremotati dell’Istitto nazionale geofisica e vulcanologia l’epicentro sembra essere stato registrato in Albania, nel distretto di Berat ovvero al confine con la prefettura di Fier; la scossa registrata è stata di 4.6 mb, ad una profondità di 15 chilometri ed avvertita anche in Italia, per lo più in Puglia. Fortunatamente non sembrano essere state registrate nuove scosse ed alcun danno è stato registrato sia in Puglia e nello specifico a Lecce dove si è maggiormente sentita. Tanta la paura dei pugliesi e nello specifico per i cittadini di Lecce, soprattutto quelli residenti nei pianti alti del palazzi della città che hanno preso d’assalto i centrali dei vigili del fuoco e si sono riversati per le strade. Lo scorso mercoledì 25 gennaio, intorno alle ore 19.51 si è registrata una scossa di terremoto nel Mediterraneo centro-orientale vicino all’Isola di Creta ed anche in questo caso è stata piuttosto forte, ovvero 5.2; la scossa è stata registrata ad una profondità di circa 70 km e questo non ha permesso alle onde sismiche di propagarsi velocemente.

Purtroppo secondo quanto riferito dai sismologi sembra che non ci siano i presupposti per pensare ad un’imminente fine delle scosse che stanno terrorizzando gli italiani e per lo più i residenti nelle regioni del centro Italia. Prosegue lo sciame sismico nelle regioni del Centro Italia e nello specifico in Abruzzo dove nella giornata di ieri si è registrata dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, un’intensa attività sismica; nello specifico intorno alle ore 14.20 di ieri è stata registrata una scossa di terremoto di magnitudo 3.4 della scala Richter, ad una profondità di 12 chilometri. La scossa, secondo quanto è emerso pare abbia avuto un epicentro a 2,66 km da Campotosto, 4,82 da Capitignano e 8 da Montereale in provincia di L’Aquila.

 Altra scossa è stata registrata dai sismologi dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia intorno alle ore 15.20 nel territorio aquilano.  Sulla base di queste continue scosse di terremoto, In via precauzionale e cautelativa, l’ attività’ didattica nelle scuole di ogni ordine e grado del territorio comunale dell’Aquila resterà’ sospesa da oggi sabato 28, a martedi’ 31 gennaio, è questo quanto previsto da un’ordinanza del sindaco Massimo Cialente. Nella giornata di ieri un’altra scossa di terremoto ha colpito nella mattinata la zona di Rieti, e nello specifico è stata registrata una scossa di magnitudo 3.3 gradi della Scala Richter; in questo caso l’epicentro è stato localizzato a solo 1 km da Catanzaro e da 4 a 7 tra i comuni di Settingiano, San Floro, Marcellinara, Borgia e Tiriolo.

Rispondi o Commenta