Rigopiano e la rabbia dei social contro Matteo Salvini: “Sei solo uno sciacallo”

Il leader della Lega Nord ha sentito diversi sindaci dei piccoli paesi dell’Abruzzo: “Mi hanno detto ‘nessuno ci ascolta e nessuno sa cosa facciamò”. Tra i politici attuali Matteo Salvini è sicuramente tra i più attenti nell’utilizzo dei social, e anche la sua più recente sortita nei territori colpiti dal maltempo e dal terremoto ha lasciato il segno.

Cioè è andato lì, ha stretto qualche mano, si è fatto fotografare e poi è ripartito affidando allo smartphone le sue profonde riflessioni, riconducibili a un classico rivisitato, “nevica governo ladro”. “Dico agli abruzzesi che ci siamo, al di là del colore politico”. La scelta del leader della Lega Nord Matteo Salvini che si è presentato in diretta ad Otto e Mezzo indossando un paio di moon-boot, ha sollevato un polverone di polemiche. Sulla faccenda è intervenuta anche Nina Moric. Precisamente… Ma di che utilità saresti stato precisamente? “Intervento che in queste ore sarebbe stato fondamentale e che purtroppo è mancato”, ha continuato il segretario del Carroccio in visita nelle zone terremotate dell’Abruzzo. Lo afferma Lorenzo Cesa dell’Udc.

SENATORI PD: VADA A SPALARE LA NEVE “Bertolaso e Salvini potrebbero fare una cosa utile: andare a spalare la neve invece di sparlare, parlare a vanvera e fare sciacallaggio, in una situazione in cui la Protezione civile e il Soccorso alpino sono impegnati in uno sforzo disumano per salvare vite umane e portare aiuti alle popolazioni del centro Italia. Chi tocca il sistema tocca il Paese”, ha detto oggi il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio rispondendo alle critiche sui soccorsi e sul dopo terremoto. “Il terremoto e l’eccezionale bufera di neve che stanno colpendo le regioni dell’Appennino non possono diventare temi di polemica politica e, se lo fanno, finiscono con il mostrare tutta la meschineria di chi tenta di speculare su eventi così tragici”.

Una scelta decisamente poco elegante, in ogni senso. Matteo Salvini si è presentato a “Otto e Mezzo con i doposci ai piedi, come segno di vicinanza ai migliaia di cittadini del centro Italia colpiti dal terremoto e prigionieri della neve ormai da giorni, e ha criticato duramente la Protezione Civile per la gestione della situazione e per il ritardo nei soccorsi all’hotel Rigopiano, travolto da una slavina mercoledì pomeriggio.

A notare la “caduta di stile” del leader leghista è stato l’account Twitter Nonleggerlo, che ha subito lanciato la bomba sul social. Apriti cielo. Critiche e insulti stanno rimbalzando ovunque, e se qualcuno si limita a giudicare l’outfit “inopportuno”, in tanti gridano allo sciacallaggio.

MATTEO SALVINI SCRIVE SU FACEBOOK: “Alcuni anziani a L’Aquila e a Teramo mi hanno detto: ma dove sono gli altri politici? Io ho usato la mia carica per chiamare l’Enel, i sindaci, i vigili del fuoco, tutti quanti, dare una mano. Ho parlato con il sindaco di Tollo, che è del Pd, e con un altro di Ncd, e un altro ancora di una lista civica, e tutti mi hanno ringraziato per essere li. In Italia qualunque cosa fai ti attaccano: se vado mi criticano, se non vado mi criticano, mi criticano anche solo perché ho i doposci ai piedi. E allora? Tutto ciò dà il senso della distanza esistente oggi tra i media e la realtà. E Trump insegna. GRAZIE ai volontari che sono arrivati da ogni parte d’Italia. Gente tosta”.

2 commenti

  1. …da Trattamento Sanitario Obbligatorio…fa pena…

    • Roberto Rizzoli

      E’ un camaleonte, dannatamente cinico, sciacallo paraculo (ricordare la felpa Noi SUD, tra altre), nichilista e si caratterizza per il nullismo delle sue proposte politiche. Per lui è tutto sempre e solo strumentale per accaparrarsi qualche voto. Non si può tacere di fronte a certi comportamenti vergognosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.