Uomo trovato privo di sensi, trasportato d’urgenza in ospedale gli viene diagnosticata la meningite

E’ ancora allarme meningite in Italia ed anche questa volta ad essere presa di mira è stata la Campania e nello specifico la provincia di Salerno, dove un uomo è stato ricoverato d’urgenza in ospedale perchè trovato a terra in stato di incoscienza da alcuni congiunti.E’ giunto alle ore 14.46 di sabato al pronto soccorso dell‘Ospedale Ruggi d’Aragona di Salerno, un uomo classe 1972 il quale è stato trasportato li dal 118 perchè, come già riferito, trovato a terra in stato di incoscienza da alcuni parenti; una volta giunto nella struttura ospedaliera, l’uomo è stato sottoposto ad esami di routine ed anche ad un esame TC Cranio, in considerazione della caduta e di un pregresso intervento chirurgico al cranio, risultato negativo.

Dopo poche ore dal suo ricovero, la temperatura del paziente si è misteriosamente cominciata a salire passando dai 37° ai 39° al controllo effettuato intorno alle ore 18.00. I medici, a questo punto, preoccupati per le sue condizioni di salute, hanno chiesto un consulto al medico del pronto soccorso o meglio all’infettivologo, il quale ha proceduto ad una rachicentesi dalla quale è emerso un liquido torbido, ed immediatamente il quadro clinico è apparso chiaro, l’uomo era affetto da meningite.

Una volta diagnosticata la meningite emofilus inflienza, è scattato il protocollo con contatti immediati al Cotugno di Napoli, che ha confermato il caso. Il paziente nel giro di qualche ora ed esattamente intorno alle ore 19.38 è stato trasferito e nella giornata di ieri è stata avviata la profilassi per i congiunti del paziente, avvertiti dalla direzione sanitaria dell’ospedale.

Va sottolineato come in soli 4 ore un uomo giunto al pronto soccorso con indicazioni mediche assolutamente distanti da una meningite è stato curato e sottoposto a tutti gli accertamenti e gli è stata individuata una forma di meningite che nella mattinata di ieri è stata confermata dai medici dell’Ospedale Cotugno di Napoli. Il contagio di questo tipo di meningite avviene solo per contatto diretto ed ancora ad una distanza di un metro e mezzo dal paziente; secondo quanto riferito dall’azienda sanitaria, nessuno sembra essere stato esposto al rischio contagio e solo il personale medico e del comparto che ha gestito il caso, in via precauzionale è stato sottoposto alla profilassi antibiotica.Si ricorda, per evitare inutili allarmismi, che la possibile trasmissione della meningite avviene solo per contatto diretto: infatti ad una distanza di un metro e mezzo dal paziente si è al sicuro e non è necessario adottare alcuna precauzione. La Campania ultimamente è stata presa di mira dal batterio e proprio nei giorni scorsi un altro caso era stato registrato al Pronto Soccorso dell‘ospedale Sant’Anna a Boscotrecase, chiuso per quasi cinque ore nella notte, in quanto immediata era stata la procedura di profilassi avviata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.