Uso del cellulare alla guida, nuove strette: fino a 6 mesi di sospensione della patente

Si  preannunciano punizioni sempre più severe per coloro i quali fanno uso del telefono cellulare alla guida, visto che la Commissione Trasporti della Camera dei Deputati ha presentato una revisione delle normative, trovando appoggio da parte del Vice Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Riccardo Nencini che già da tempo aveva chiesto una modifica in tal senso.

Intervenuto nella giornata di ieri, il presidente della commissione Michele Meta, il quale ha spiegato che è stato pressoché ultimato l’esame degli articoli e degli emendamenti di una legge che lo stesso ha ritenuto di presentare alla luce delle diverse emergenze in tema di sicurezza stradale. “Poche e urgenti modifiche al Codice della strada per contrastare gli incidenti e i comportamenti più rischiosi”, è questo quanto dichiarato da Michele Meta.

La Commissione Trasporti della Camera dei Deputati, dunque, approvato un emendamento alle modifiche dell’articolo 173 del codice della strada, aumentando le sanzioni pecuniarie e la decurtazione di punti sulla patente e pare che già alla prima infrazione sia in arrivo l‘immediata sospensione della patente fino a tre mesi che potranno diventare anche sei in caso di recidiva. Basta davvero poco, ovvero avere uno smartphone in mano e la patente potrà davvero saltare per i recidivi la sospensione raddoppia arrivando a 6 mesi a questo si aggiunge anche la possibilità di sanzioni pecuniarie e le decurtazioni dei punti della patente, da 322 a €1294 alla prima infrazione e da 644 a €2588 alla seconda. Sempre alla prima occasione, via 5 punti che salgono a 10 per chi proprio non ha capito che utilizzare lo smartphone alla guida è pericoloso.

Pare che per cercare di sensibilizzare gli automobilisti a non utilizzare lo smartphone in auto, Samsung ed Apple hanno lanciato delle applicazioni in tal senso e nello specifico Samsung ha lanciato l’applicazione “In traffic reply” utile per non distrarsi al volante mentre Apple con iOS 11 attiverà una modalità “Non disturbare”, durante la guida che si attiverà automaticamente e bloccherà tutte le notifiche.“Il nuovo testo segnerà un cambio di rotta decisivo, rispetto alle blande e inefficaci disposizioni attualmente in vigore, a cominciare dalla sospensione della patente fino a tre mesi prevista già alla prima infrazione e dal raddoppio in caso di recidiva”, ha aggiunto Meta.

Soddisfatto il Codacons che ha chiesto maggiori controlli per garantire l’effettiva utilità del provvedimento e nello specifico nella giornata di ieri, il presidente ha fatto sapere che gli automobilisti usano il telefonino perché sanno che difficilmente verranno multati e proprio per questo motivo, si chiede un incremento dei controlli e soprattutto delle sanzioni anche per vigili e agenti, che pur essendo obbligati a farlo non contestano ai trasgressori l’utilizzo del cellulare alla guida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.