In vacanza a Zante con gli amici, napoletano di 20 anni muore speronato a bordo del suo quad

Un dramma durante le vacanze in Grecia. Un giovane italiano è stato speronato da un’auto e ucciso mentre si trovava in vacanza in Grecia e nello specifico a Zante, un’isola greca metà delle vacanze post maturità  e non solo. 

Una vacanza si è rivelata fatale per Pasquale Sacco, un giovane di vent’anni di San Giorgio a Cremano in provincia di Napoli, il quale si trovava in Grecia e come già detto nell’isola di Zante, insieme a quattro amici quando è stato travolto da un’auto mentre si trovava alla guida di un quad;  purtroppo stando a quanto emerso, il giovane pare sia molto sul colpo.

L’incidente è avvenuto nella mattinata di domenica 13 agosto, poche ore prima che i giovani rientrassero in Italia e Pasquale stava guidando un quad, un mezzo molto utilizzato dai giovani soprattutto per muoversi sull’isola greca durante l’estate, quando improvvisamente una macchina di grossa cilindrata l’ha investito uccidendolo sul colpo. Secondo quanto riferito, Pasquale l’amico che si trovava con lui avevano perso la strada, trovandosi in uno stretto sentiero di campagna ed è stato quest’ultimo salvatosi perché era sceso dal quad per raccogliere un oggetto, ad avvertire gli altri due compagni di viaggio dell’incidente. Diffusa la notizia del tragico incidente che ha visto purtroppo protagonista un giovane italiano, la Farnesina ha confermato il decesso.“L’ambasciata ad Atene, in stretto raccordo con il ministero degli Esteri e le autorità locali, segue il caso fin dal primo momento ed è in contatto con la famiglia per prestare la massima assistenza anche ai fini del rimpatrio del ragazzo, che si prevede avverrà già questo pomeriggio”, è questo quanto si legge  in una nota diffusa da alcune fonti della Farnesina.

Intanto l’ambasciata italiana ad Atene sta lavorando per cercare di restituire al più presto possibile il corpo di Pasquale alla famiglia, dopo che sono stati espletati dalle autorità greca tutti gli accertamenti di rito.  Il cadavere una volta giunto a Ciampino sarà trasferito a San Giorgio a Cremano da un’agenzia di pompe funebri per la celebrazione del funerale, la cui data però non sembra essere stata ancora fissata. Pasquale Sacco, aveva compiuto 20 anni soltanto lo scorso 26 luglio e stava per affrontare i test per entrare all’università dopo essersi preso un anno di pausa in seguito al conseguimento del diploma superiore presso l’Istituto Tecnico Rocco Scotellaro, ma purtroppo su quei banchi non si chiederà mai visto che è morto sul colpo centrato da una macchina di grossa cilindrata che lo ha speronato proprio mentre il giovane si trovava a bordo di un quad nel corso di una vacanza con amici in Grecia.

La notizia della morte del giovane è giunta a San Giorgio a Cremano già nelle prime ore del mattino di domenica, lasciando nella totale disperazione il padre, un avvocato civilista noto in città e la madre Barbara, oltre che tutti gli amici e i parenti del giovane.  Tutti coloro i quali lo conoscevano lo dipingono come un ragazzo perbene, solare e serio.  Rientrati già in Italia tutti e quattro gli altri giovani sangiorgesi dopo essere stati assistiti dagli uffici consolari di Zante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.