Segui Newsitaliane.it su Facebook

Costretta a vivere senza acqua e in pessime condizioni igieniche, la donna sta vivendo un terribile dramma. Anche la sua bimba di 4 anni è stata trascinata in prigione, il motivo è sconcertante


Una donna è stata arrestata a Dubai, per tre giorni, dopo aver bevuto un bicchiere di vino a bordo dell’aereo che la portava da Londra agli Emirati Arabi. Insieme a lei c’è anche la sua figlia di soli quattro anni. Ellie Holman, una dentista di origine svedese ma che vive nel Kent, in Inghilterra, ha anche altri due bambini. Secondo quanto racconta l’associazione per i diritti umani Detained, che racconta proprio quanto avviene nelle prigioni di Dubai, la donna è stato costretta a pulire i gabinetti durante il suo arresto e le è stato negato l’accesso all’acqua. La Ong, nata proprio per aiutare le persone imprigionate negli Emirati Arabi, ha fatto sapere che difenderà la donna e la sua piccola bambina, terrorizzata da ciò che le sta accadendo.

L’arresto è avvenuto il 13 luglio. La donna ha bevuto un bicchiere di vino durante il suo volo di circa otto ore verso gli Emirati. La sua presa in custodia è avvenuta dopo che un ufficiale che si occupa di immigrazione nel paese le ha chiesto maggiori dettagli sul suo visto e le ha chiesto se avesse bevuto alcolici. Alla donna e sua figlia sono stati inizialmente negati cibo, acqua e l’accesso al bagno durante la loro prigionia, durata tre giorni. La piccola ha dovuto fare i suoi bisogni sul pavimento della cella, piangendo “come mai in vita sua”.

Ora il rischio è che la donna debba rimanere a Dubai per ben un anno, in attesa del processo. A raccontare la vicenda e a spiegare cosa potrebbe succedere è il giornale britannico The Guardian. Che ricorda anche il fatto che la donna fosse partita per una breve vacanza di alcuni giorni per far visita ad alcuni amici, da cui era già stata in passato. Una volta atterrata a Dubai, alla donna è stato fatto notare che il suo visto non era valido e che sarebbe quindi dovuta tornare a Londra, secondo quanto precisa anche la Ong.

La dentista ha quindi chiesto di poter acquistare un altro visto e ha ammesso di aver bevuto alcolici, filmando inoltre il comportamento aggressivo delle guardie (operazione illegale nel Paese). Nel Paese è vietato consumare alcolici senza una apposita licenza e iDopo la prigionia tremenda che le due hanno subito, sono state rilasciate su cauzione. Ora Ellie è stata raggiunta a Dubai dal marito e dagli altri figli, ma non può lasciare il Paese. L’uomo è poi ripartito, tornando in patria con la sua figlia che ha subito l’arresto con la madre.

Privacy Policy