Segui Newsitaliane.it su Facebook

Ex professore morto due mesi fa ma ancora nessun funerale


Ha davvero dell’incredibile la storia che stiamo per raccontarvi che ha come protagonista un uomo, ovvero un ex professore di diritto morto a 73 anni nel suo appartamento,  la cui salma è custodita presso l’obitorio dell’ospedale di Schiavonia e da circa due settimane è in attesa che qualcuno si faccia carico del funerale. Non si tratta di una bufala, ma di una notizia vera e incredibile accaduta proprio ad Este dove l’uomo Paolo Mucci, come ti ho detto al professore di diritto, è morto nel suo appartamento di eta e la cui salma è custodita da oltre 2 mesi presso l’obitorio dell’ospedale di Schiavonia in attesa che qualcuno si faccia carico del funerale perché L’anziano signore non ha parenti ne tantomeno eredi.

Il corpo senza vita dell’anziano signore è stato ritrovato lo scorso 15 marzo quando i carabinieri ed i vigili del fuoco hanno forzato la porta del suo appartamento sito in via Principe Amedeo dove il professore pare si fosse trasferito agli inizi degli anni 2000. Pare fossero stati i vicini di casa a lanciare l’allarme, non avendo più visto uscire dal suo appartamento l’ex professore da oltre 2 giorni.

I loro timori pare avessero trovato conferma quando è stato ritrovato il cadavere del professore che pare sia morto per cause naturali. Le autorità avevano tentato di potersi mettere in contatto con i familiari,  ma purtroppo non hanno ottenuto alcun risultato Perché l’uomo è risultato essere privo di parenti e di eredi. L’uomo Infatti pare abbia perso la madre quando aveva soltanto 20 anni e il padre alla fine degli anni 90, non si era mai sposato e quindi non aveva alcun erede né tantomeno aveva degli amici particolari visto che dopo la pensione conduceva una vita piuttosto solitaria dedicandosi a quelle che erano le sue più grandi passioni ovvero l’archeologia i viaggi e la storia naturale.

E’ questo quanto raccontato dall’amico e nonché ex collega Alberto Bottazzi insegnante di francese presso l’Istituto alberghiero di Albano. Ciò che ci si chiede adesso è per quanto tempo la salma dell’uomo dovrà rimanere presso l’obitorio dell’ospedale di Schiavonia e se sia giusto che comunque anche le autorità e gli enti non si facciano carico di  questo caso dando una degna sepoltura al’ uomo che ormai è morto da oltre due mesi.

Privacy Policy