Il ragazzino di 13 anni era uscito dopo un litigio con i suoi genitori, ma fuori c’era la bufera di neve. Non ha più fatto ritorno, tragico ritrovamento

Un ragazzino di tredici anni dell’Iowa, negli Stati Uniti, che si era allontanato da casa durante una bufera di neve martedì sera, è stato trovato morto. A comunicarlo è la polizia di Marshalltown, che ha fatto sapere che il corpo di Corey Brown – questo il nome del tredicenne – è stato trovato domenica in un’area isolata a ovest della città, non lontano da casa sua. La polizia ha detto che per il momento non ci sono prove che facciano ipotizzare “un’attività criminale” collegata alla morte del ragazzino, ma le indagini sono ancora in corso e tutte le piste sono da accertare. Nulla è stato detto sulle cause della morte di Corey e non si sa se il tredicenne conoscesse la zona in cui è stato trovato. Prima di trovarlo morto la polizia aveva detto che l’adolescente era stato visto l’ultima volta intorno alle 23.15 di martedì scorso. Una telecamera di sicurezza lo aveva “catturato” mentre usciva di casa.

Secondo quanto si legge sui media Usa, il capo della polizia Michael Tupper ha detto in una conferenza stampa di giovedì scorso che il ragazzo si era allontanato dopo che i genitori gli avevano tolto il cellulare come punizione. Quella tra i genitori e il ragazzino era stata una discussione come tante altre, secondo quanto dichiarato dal capo della polizia. Nel corso della conferenza stampa i genitori di Corey gli avevano anche lanciato un appello commosso affinché tornasse a casa. “Corey sai quanto ti amiamo e non mi fermerò finché non ti troveremo”, aveva detto la mamma Michelle in lacrime. L’intera comunità lo ha cercato per giorni, ricerche complicate a causa delle temperature gelide in città. Poi il drammatico ritrovamento. Il distretto scolastico di Marshalltown ha rilasciato una dichiarazione domenica pomeriggio: “Siamo rattristati dall’apprendere della morte di uno dei nostri studenti. I nostri pensieri e le nostre più sentite condoglianze vanno alla famiglia Brown e a chi è stato vicino a Corey”.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *