L’uomo, che lavorava in una scuola, toccava le bimbe approfittando delle pause durante le lezioni. Orribile

Ha abusato di bambine di età compresa tra 5 e 13 anni, toccandole nelle parti intime, approfittando delle pause durante le lezioni. I carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma hanno arrestato e posto ai domiciliari un bidello di 66 anni, italiano, collaboratore scolastico di una scuola della Capitale. Sull’uomo pendono pesanti accuse, ritenuto responsabile di aver compiuto atti sessuali nei confronti delle piccole alunne. La misura di custodia cautelare è stata emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma, Alessandro Arturi, su richiesta del sostituto procuratore Daniela Cento, con il coordinamento del pubblico ministero Maria Monteleone della Procura della Repubblica di Roma.

Le indagini

Le indagini dei militari sono partite dalle segnalazioni di alcune persone informate sui fatti, al corrente di ciò che accadeva e degli strani comportamenti dell’uomo che le hanno fatte insospettire. Da successivi accertamenti è emerso che il bidello, durante la pause delle lezioni, all’interno della scuola, in più occasioni aveva palpeggiato nelle parti intime bambine. I carabinieri di via in Selci hanno posto l’arrestato presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, dove si trova a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Maestro d’Inglese abusa delle sue alunne

Un altro episodio di abusi sessuali a scuola risale allo scorso marzo, quando un maestro di Lingua Inglese di 25 anni è stato arrestato con l’accusa di ripetute molestie sessuali nei confronti delle sue piccole alunne di tre e cinque anni in una Istituto di Roma.
Dalle indagini è emerso come il docente avrebbe indotto le bambine, di età compresa tra i tre e i cinque anni a subire “ripetuti atti di molestie sessuali, approfittando dell’ingenuità e della tenera età delle vittime”. Gli accertamenti sono scattati in seguito alle denunce presentate da alcuni genitori, preoccupati per i racconti che facevano i figli piccoli al rientro da scuola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *