La donna era stata punita perché aveva acquistato droga da spacciatori nigeriani pagando con una prestazione sessuale. Una storia orribile

Un italiano di quaranta anni è stato condannato oggi a otto anni di carcere dal tribunale di Torino per un episodio che risale a tre anni fa, quando picchiò selvaggiamente, seviziò, violentò e legò la sua compagna con un guinzaglio per cani. Il pm Marco Sanini, che procedeva per sequestro di persona, violenza sessuale e maltrattamenti, aveva chiesto nove anni e quattro mesi per l’imputato. Tutto è avvenuto nel 2016 in una camera di un albergo a ore del quartiere Barriera di Milano di Torino. La vittima è una giovane slovacca che dopo la violenza ha lasciato l’Italia per tornare nel suo Paese di origine.

La giovane “punita” per aver scambiato delle dosi di droga con prestazioni sessuali – Secondo la ricostruzione dell’accusa, la giovane donna – che avrebbe avuto problemi di droga – era stata “punita” in questo modo dal compagno perché si era prostituita pur di comprare delle dosi di crack da alcuni spacciatori nigeriani. I difensori dell’imputato, gli avvocati Wilmer Perga e Diogene Franzoso, avevano respinto questa tesi e sostenuto invece che si trattava di “un normale gioco erotico” tra i due.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *