Una donna in stato vegetativo da 14 anni ha dato alla luce una bimba. La sua storia è da brividi

Una donna in stato vegetativo da 14 anni ha partorito una bimba lo scorso mese. E su questo caso la polizia di Phoenix, in Arizona, ha aperto un’indagine con l’accusa di stupro. Il portavoce della polizia di Phoenix non ha fornito ulteriori dettagli sul caso, senza spiegare da quanto tempo vada avanti l’indagine e senza fornire informazioni sull’identità della donna. Il dipartimento per la Salute dell’Arizona ha inviato gli ispettori nella struttura in cui sono avvenuti i fatti, facente parte della Hacienda HealthCare, un’organizzazione che si occupa di programmi e servizi per la cura della salute.

Il parto è avvenuto lo scorso 29 dicembre ed è stato confermato anche dalla stessa struttura dell’Arizona. La donna che ha dato la luce la bambina si trova in stato vegetativo da 14 anni in seguito a un incidente. Secondo quanto riporta AZFamily.com, lo staff della clinica non aveva inizialmente idea del fatto che la donna fosse incinta. Una volta scoperto, dopo alcuni controlli, una specialista ha aiutato la donna nel parto di una bambina che è in buono stato di salute. “Nessuno dello staff sapeva che la donna era incinta fino a che non era quasi pronta a partorire”, spiega una donna. Secondo questa stessa fonte, lo staff avrebbe capito che c’era un problema perché la donna ha iniziato a emettere una sorta di lamento. E non si riusciva a capire quale fosse il problema, fino ai controlli effettuati e alla scoperta del suo stato di gravidanza.

I membri dello staff avevano accesso alla stanza della paziente, avendo quest’ultima bisogno di cure continue per le sue condizioni. Ma dopo il parto, la struttura ha deciso di adottare un nuovo protocollo impedendo agli uomini di intervenire se non in compagnia di una donna dello staff. Ora gli investigatori indagano per capire cosa sarebbe successo tra la primavera e l’estate del 2018, quando la donna è rimasta incinta.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *