Mahmood vince Sanremo, Matteo Salvini: “La canzone italiana più bella? Avrei scelto Ultimo”

Non ha fatto in tempo ad arrivare il verdetto del Festival di Sanremo 2019, che ha consegnato la vittoria a Mahmood, che è arrivato immediato il commento su Twitter del ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Mahmood… mah… la canzone italiana più bella? Io avrei scelto Ultimo, voi che dite?”. Le origini di Alessandro Mahmoud, artista milanese di padre egiziano, possono fornire uno spunto utile per una chiave di lettura più centrata di questo tweet del ministro degli Interni.

Il commento di Salvini alla vittoria di Mahmood a Sanremo

Come prevedibile, il successo dell’artista, che è arrivato assolutamente a sorpresa rispetto ai pronostici e alle aspettative, promette già polemiche e fuochi incrociati nei prossimi giorni. A colpire è proprio l’approccio del leader della Lega, che tende a sottolineare il curioso accostamento tra Mahmood e il concetto di canzone italiana. L’interpretazione del suo tweet è naturalmente libera, ma è difficile non leggere la preferenza espressa dal ministro degli Interni come la chiara intenzione di contrassegnare politicamente la vittoria sanremese di Mahmood.

Chi è Mahmood, il vincitore di Sanremo 2019

Classe 1992, il giovane talento milanese è nato da padre egiziano e mamma italiana, per la precisione sarda. In questi giorni ha conquistato progressivamente il favore di pubblico e critica, arrivando ad agguantare un’inattesa vittoria all’Ariston, dopo essere arrivato al Festival in seguito alla vittoria di Sanremo Giovani, lo scorso dicembre. Il suo percorso nel mondo della musica (studia chitarra e pianoforte da quando ha 12 anni) è passato attraverso esibizioni su piccoli palchi e ha partecipato a diversi concorsi, tra cui quello che probabilmente gli ha cambiato la vita: X Factor. La partecipazione al reality show nel 2012 (nella squadra di Simona Ventura) è durata una sola settimana ma è servita come vetrina gli è valsa importanti collaborazioni. E la partecipazione a questo Festival non è stata una prima volta, visto che aveva già partecipato a Sanremo giovani nel 2016 col brano “Dimentica”, classificandosi quarto. Ci ha riprovato l’anno scorso con “Gioventù bruciata” ed ha fatto bene, visto che la canzone gli è valsa la vittoria e la possibilità di accedere al vero Festival. Tutto il resto è storia recente.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *