Il paziente sta morendo, i medici gli pompano 15 lattine di birra nello stomaco e lo salvano

I medici hanno pompato cinque litri di birra nello stomaco di un paziente in un disperato tentativo di salvargli la vita mentre giaceva privo di sensi in un letto d’ospedale vietnamita. Nguyen Van Nhat ha rischiato di morire di avvelenamento da alcol quando lo staffa sanitario ha deciso di riempirlo con 15 lattine di birra. Il livello di metanolo nel sangue dell’uomo, 48 anni, era più di 1.000 volte superiore al limite, ha rivelato un medico, come riporta il Mirror. I medici hanno trasfuso una lattina di birra ogni ora fino a quando Nguyen ha ripreso coscienza in un nosocomio nella provincia centrale vietnamita di Quang Tri. Il dott. Le Van Lam, direttore dell’unità di terapia intensiva del General Hospital, ha dichiarato ai media locali che “il livello di metanolo nel sangue del paziente era di 1.119 volte superiore al limite appropriato”. “Per salvargli la vita, abbiamo trasfuso tre lattine (un litro) di birra per rallentare l’elaborazione del metanolo da parte del fegato” spiega Van Lam. Il medico ha spiegato che a quel punto al paziente è stata “somministrata” una lattina di birra ogni ora. Alla quindicesima l’uomo si era ripreso.

Perchè i medici hanno fatto questa scelta

Il medico ha spiegato che lo stomaco e l’intestino di una persona continuano a rilasciare alcol nel sangue anche in uno stato di incoscienza o se hanno smesso di bere, e per un certo periodo i livelli di alcol nel corpo continuano ad aumentare. Il Dr. Lam ha detto che l’alcol è disponibile in due varianti: metanolo ed etanolo, e il fegato umano scompone in primo luogo l’etanolo “come priorità”. Mr Nguyen ha perso conoscenza quando il metanolo nel suo sistema si è ossidata in formaldeide che a sua volta ha prodotto acido formico, secondo quanto riferito. Per impedire che la formaldeide ossidante si trasformasse in acido formico, i medici hanno optato per questa soluzione estrema, così da avere un tempo sufficiente per eseguire la dialisi.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *