Bimbo di 6 mesi morto in casa a Comiso: madre indagata per maltrattamenti

Prima svolta nelle indagini sulla morte del piccolo di appena sei mesi

avvenuta martedì scorso nell’abitazione di famiglia a Comiso, nel Ragusano. Nelle scorse ore infatti gli inquirenti della Procura di Ragusa hanno iscritto nel registro degli indagati la madre del bambino con  l’accusa di maltrattamenti. La decisione del sostituto procuratore Santo Fornasier, titolare dell’inchiesta, è arrivata dopo i primi risultati dell’autopsia sul corpicino del bimbo che hanno confermato che la frattura del braccio, emersa da una Tac in ospedale, è intervenuta prima del decesso. L’esame post mortem inoltre ha rivelato anche un pessimo quadro clinico generale del bimbo che soffriva anche di una malattia congenita.

Il ruolo della donna nella vicenda fin da subito aveva insospettito e attirato l’attenzione degli inquirenti soprattutto per una serie di incongruenze nei suoi racconti e nelle modalità con cui è stato comunicato il decesso del piccolo. Era stata lei infatti a chiamare in commissariato intorno alle 15 di martedì sostenendo di avere trovato il piccolo morto ma alle 11 del mattino. A quel punto la disperata corsa degli agenti assieme al personale del 118 è stata inutile. Per questo ora gli inquirenti si stanno concentrando su quel  buco temporale per cercare di capire cosa sia successo realmente.

A questo scopo gli uomini dalla Squadra mobile di Ragusa e del commissariato di Comiso hanno anche posto sotto sequestro a scopo cautelativo la casa dove il piccolo è stato ritrovato senza vita. Nell’abitazione, oltre alla donna e al piccolo, viveva un’altra bimba figlia della donna che ora è stata allontanata dalla madre e affidata ad una struttura per minori. La donna è madre di sei figli: due però sono rimasti in Romania, paese di cui la donna è originaria mentre due figli sono in Tunisia, dalla famiglia del padre. Nel frattempo continuano anche gli esami  per stabilire l’esatta causa di morte del bimbo sulla quale al momento non si esclusa alcuna ipotesi, compresa quella della morte naturale.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *