“È una maledizione”, la donna rifiuta la sua bambina Un destino tremendo per la piccola, il motivo

“Sono scioccata perché non vedevo l’ora di diventare madre di un bambino sano, che fosse un maschio o un femmina non mi importava ma questa è una maledizione”, così una neomamma indiana ha reagito di fronte alla vista della figlia appena data alla luce dopo aver scoperto che la piccola è affetta da una sindrome estremamente rara e incurabile che fa crescere la sua pelle sette volte più velocemente del solito dandole un aspetto insolito. Alla bambina infatti è stata diagnosticata l’Ittiosi Arlecchino, una grave disfunzione congenita che è estremamente rara, si contano un caso su un milione di nati, e spesso anche letale. Come raccontano i media locali, la madre  una donna di 28 anni, ha partorito nei giorni scorsi in un ospedale gestito dal governo nel distretto di Patna, nello stato del Bihar, nell’India nord-orientale.

La piccola è nata prematuramente a 32 settimane ma non è stato questo a sconvolgere la madre. La neonata infatti pesava circa 2,5 kg, ma a causa della sua patologia ha un evidente ispessimento della pelle e deformità facciali.  Per questo i genitori l’hanno definita “una maledizione” e si sono rifiutati di accettarla. Dopo varie insistenze, alla fine hanno deciso comunque di portarla a casa ma, stando a quanto riferito, la madre pare non voglia tenerla e si rifiuta di nutrirla. “Non ho idea di come sia successo. Io e la mia famiglia sono completamente distrutti”, ha detto la donna dietro la quale purtroppo è evidente la paura dello stigma nella società rurale in cui vive. “Abbiamo inviato dei controlli a casa e abbiamo indirizzato la madre verso un centro specializzato” hanno spiegato dall’ospedale. I medici però temono che la piccola non sopravvivrà a lungo perché, proprio a causa della malattia, nessuno dei suoi organi si è sviluppato correttamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *