Ambulante abusivo aggredisce il vigile a Fontana di Trevi: «Se non avevi la divisa…»

«Ascoltate bene: Se non avevi questa divisa». Così un ambulante abusivo si è rivolto ad un vigile, durante i controlli. «La misura è colma! siamo sempre con le forze del’ordine ed un plauso meritano questi agenti che non restano a guardare, ma soprattutto che vorrebbero gestire la situazione come deve essere fatto in un paese civile. Vedere la loro impotenza fa male». Così l’Associazione dei commercianti del rione Trevi, a Roma, pubblica e commenta sulla sua pagina Facebook, l’aggressione subita da un agente della polizia locale il 30 aprile scorso quando ha tentato di allontanare gli ambulanti abusivi dall’area vicina alla monumentale fontana piena zeppa di turisti.

«Ora con il bel tempo – afferma l’avvocato Fabrizio Patrizi, portavoce dell’associazione – la zona si riempirà nuovamente di vu’ cumpra’ di ogni tipo. Noi commercianti siamo inermi e, purtroppo, anche le forze dell’ordine spesso lo sono. E’ un continuo allontanare e tornare degli abusivi che sono roganizzati tra di loro. C’è chi li rifornisce del pranzo, chi fa da palo e li avvisa se arrivano le “guardie”, si passano la merce tra loro per liberarsene. Si tratta di un’organizzazione criminale, strutturata, formata, ricca e violenta. E’ un assedio e scene come quelle riprese dai cittadini pochi giorni fa, fanno male».

Sempre i commercianti denunciano su Facebook che cosa accade ogni volta qualcuno cerchi di mandare via gli abusivi. «”Sei un razzista!”, “è perchè sono nero!”, questo è quello che i commercianti e residenti di Trevi si sentono urlare contro quando si oppongono ai soprusi di questi criminali», scrivono, postando un altro video dell’aggressione di pochi giorni fa. Gli abusivi non sono l’unico problema per il rione. «Altra nota dolente – spiegano i commercianti, una quarantina quelli associati – è la raccolta dei rifiuti, non sempre efficiente».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *