La Bugatti dei record NEL GARAGE DI CR7

Per festeggiare i 110 anni di storia, la casa automobilistica simbolo di lusso estremo progetta un bolide da 420 chilometri orari. Ne sarà realizzato un solo esemplare. E il prezzo è stratosferico: 11 milioni di euro. Che l‘attaccante della Juve Cristiano Ronaldo avrebbe già staccato. Ma intorno all’acquisto si alza una cortina di fumo in nome della riservatezza. Tutto però sarà chiaro tra due anni.

Una sola parola: record. Di motore: un 16 cilindri da ottomila centimetri cubi, con quattro turbo, capace di sviluppare 1.500 cavalli. Di prestazioni: in 2,4 secondi raggiunge i 100 chilometri orari, ma può arrivare fino a 420. Di consumi: per percorrere 100 chilometri ha bisogno di oltre 35 litri di benzina. Di esclusività: ce ne sarà solo una. E – ma a questo punto è certo il dettaglio meno importante – record di prezzo: 11 milioni di euro, tasse escluse naturalmente. Eccezionale, infine, il proprietario, l’attaccante della Juventus Cristiano Ronaldo, CR7.

Parliamo della Macchina Nera. Non il demonio a quattro ruote del film del 1977, deciso a sterminare gli abitanti di un paesino del Nuovo Messico. Bisogna dirlo in francese: Voiture Noire. E allora tutto cambia. Perché parliamo di una Bugatti. Anzi, l’espressione massima, la quintessenza della Bugatti, realizzata per festeggiare i 110 anni di un marchio da sempre simbolo di prestazioni, lusso ed esclusività. Con questa idea Jean Bugatti, figlio di Ettore, il fondatore della casa, ottant’anni fa aveva progettato la Type 57SC Atlantic: ne furono realizzate solo quattro. Di una si persero le tracce durante la Seconda guerra mondiale, lo stilista Ralph Lauren fece invece riverniciare la sua, pagata 35 milioni di euro, con colori non originali, rovinandola per sempre. Così le due “superstiti” originali al 100 per 100 oggi hanno un valore inestimabile.

È a quest’auto che i progettisti della Voiture Noire si sono ispirati. Staccare un assegno da 11 milioni di euro potrebbe quindi rappresentare il miglior investimento possibile. «La nuova Voiture Noire è la perfetta Gran Turismo, esclusiva, potente e lussuosa come l’auto di Jean Bugatti. Bugatti suscita emozioni e passioni nel mondo e i clienti si aspettano da noi di continuare ad essere sorpresi al di sopra di ogni immaginazione», ha spiegato Stephan Winkelmann, amministratore delegato della casa automobilistica, dal 1998 entrata nel gruppo Volkswagen. Lo ha detto al Salone dell’auto di Ginevra, quando è stato per la prima volta sollevato il velo su questo nuovo gioiello, «interpretazione più moderna dello spirito della Gran Turismo, tributo alla tecnologia e al design perfetti».

Del passato, resta la calandra anteriore a forma di uovo e l’ovale rosso con la scritta Bugatti in stampatello maiuscolo. Difficilmente lo vedremo in autostrada stagliarsi nel nostro specchietto retrovisore, ma la linea sinuosa e avveneristica della carrozzeria colpisce per la purezza. Così come lascia a bocca aperta il parabrezza, un pezzo unico che arriva fino al montante della portiera, quasi fosse la visiera di un casco da moto. Se poi ci dovesse superare e avessimo il tempo di fissare la sua sagoma allontanarsi, potremmo vedere la sottile luce led del gruppo ottico posteriore e i sei tubi di scarico che fanno suonare il motore come fosse un’orchestra sinfonica.

Per noi italiani in realtà potrebbe esserci qualche speranza in più di incrociarla e restare ipnotizzati dal disegno dei cerchi e dal colore (blu Bugatti ovviamente) delle pinze dei freni. Già, perché la Voiture Noire finirà nel box di Cristiano Ronaldo. Non ci sono conferme ufficiali, ma i ben informati giurano che sia lui il fortunato riuscito ad aggiudicarsi l’auto dei sogni. All’indomani della presentazione a Ginevra, le prime voci parlavano di Ferdinand Piech, ex numero uno del gruppo Volkswagen, ma, stando ai quotidiani spagnoli, sarebbe in realtà Ronaldo ad aver battuto sul filo di lana il manager. Uno dei suoi portavoce ha tentato una smentita, però sono molti gli indizi che portano a CR7. Intanto la disponibilità economica: Ronaldo ha un patrimonio di circa 300 milioni di euro. Poi la passione per le auto: nel suo garage ci sono McLaren, Bentley, Rolls-Royce, Ferrari e Lamborghini. Oltre che una fiammante Bugatti Chiron. E la Bugatti, rifiutando di precisare il nome del proprietario, si è limitata a dire che è qualcuno con un grande attaccamento al marchio. Non resta che attendere. Come dovrà fare Ronaldo. La consegna è prevista tra due anni.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *