Questa donna ha lanciato la figlia di 7 settimane in un burrone

In Carolina del Nord, negli Stati Uniti d’America, una donna è stata arrestata con l’accusa di avere tentato l’omicidio della figlia, una bambina di appena 7 settimane.

La donna, la 35enne Krista Madden, di Asheville, avrebbe gettato in un burrone la bambina, insieme al suo seggiolino per auto, come raccontato alla stampa locale dallo sceriffo della contea di Henderson, Lowel Griffin.

La piccola, però, “per grazia di Dio” è sopravvissuta, ha detto lo sceriffico.

La bambina, Shaylie Madden è stata ritrovata giovedì scorso, 9 maggio, dopo una caduta di 25 metri.

La donna, di professione infermiera, aveva detto alla polizia che lei e la sua piccola erano state rapite sempre il giovedì e che era riuscita a scappare senza Shaylie da un uomo e una donna con il volto coperto da una maschera.

Krista Madden

Per lo sceriffo, però, la donna ha mentito: “Non abbiamo alcuna ragione per crederle“.

Shaylie è stata ritrovata da Courtney Fowler e dal padre, mentre si trovavano in auto, dopo che hanno sento il suo pianto debole da lontano.

Ho fatto marcia indietro e, a quel punto, ho visto il seggiolino giù sulla riva – ha raccontato Courtney agli agenti – Non potevo vedere la bambina ma ho visto il seggiolino. Sono andata giù e ho visto la piccola che ho portato con me“.

La piccola presentata graffi e lividi ma è sopravvissuta al tentativo della madre di ucciderla.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *