Il neonato muore nel sonno, i genitori lo tengono 10 giorni in culla. “Per coccolarlo

Hanno perso il loro bene più caro, cioè il loro bimbo e Jamie Hayes e India Gibson hanno letteralmente perso la testa. Sconvolti dalla perdita del loro bimbo di appena 6 mesi, hanno deciso di tenerlo nella sua culla 10 giorni dopo la morte. Poi hanno rivelato il motivo del loro folle gesto. Ma perché Toby è morto? Cosa è successo? Il bambino è morto nella culla, mentre dormiva. I genitori, quando il bimbo è morto erano lontani miglia e miglia da casa: erano andati, con il bimbo, in vacanza a Merseyside. “Eravamo felici – ha raccontato India al Sun – Toby era la nostra vita poi, mentre eravamo in vacanza, lo abbiamo trovato privo di sensi nel suo lettino”. È stato uno choc assoluto, uno di quegli choc dai quali non ci si riprende mai.

India, che viene da Folkestone, nel Kent, ha detto: “Era il bambino più dolce del mondo, quello che ci è successo è una tragedia orribile. Avremmo fatto qualunque cosa per lui, qualunque”.

Quando il bimbo è morto, i genitori stavano giocando a carte: è successo tutto all’improvviso perché il bimbo era vicino a loro e loro lo controllavano continuamente. Quando India è andata a dormire verso mezzanotte, ha subito capito che qualcosa non andava. A quel punto la ragazza, 25 anni, ha chiamato un’ambulanza che ha portato Toby di corsa in ospedale. Ma non c’è stato nulla da fare: il bimbo era morto. Il bimbo, a detta della madre, era sanissimo quando è morto e non riesce a spiegarsi il motivo.

“L’unico fastidio che aveva erano i denti – ha aggiunto India – l’ultima cosa che credevo era dover organizzare il funerale di mio figlio”. I due genitori, che non sono così benestanti, non hanno i soldi per coprire tutte le spese così creano una pagina di raccolta fondi e, nel giro di poco tempo, raccolgono una bella sommetta non solo per coprire tutte le spese per il funerale ma anche le spese per pagare un “cold cot”, letteralmente “lettino freddo”. Cioè?

 

Che cosa è? In pratica ai due genitori è stata data la possibilità di trascorrere altri dieci giorni con il loro Toby dopo la sua morte. La “cold cot” prevede che il piccolo sia portato nella casa dei suoi genitori che avranno ancora qualche giorno per poterlo coccolare prima di dirgli addio per sempre. “Avere Toby a casa per coccolarlo è bellissimo, ma, allo stesso tempo, è tristissimo: ma dovergli dire addio per sempre da un giorno all’altro sarebbe stato davvero tremendo. Così lo baciamo di continuo e continuiamo a guardarlo con gli stessi occhi dell’amore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *