Matteo Renzi contro Salvini: “Basta selfie e pagliacciate, si dimetta da ministro dell’Interno”

Attraverso un video pubblicato su Facebook e su Twitter, il senatore del Pd ed ex presidente del Consiglio Matteo Renzi attacca il ministro dell’Interno Matteo Salvini. Tema del contendere è la sparatoria avvenuta a Napoli, in cui la piccola Noemi è rimasta ferita ed è tutt’ora in gravi condizioni.

Renzi attacca Salvini per come ha reagito, anche in questi giorni, a questa notizia, continuando la sua campagna elettorale. Il senatore dem si rivolge al leader leghista con un messaggio chiaro: “Caro ministro Salvini, di fronte a un fatto così grave il ministro dell’Interno non sta nelle piazze di Scandicci o di Figline a contrastare l’opposizione, ma va a Napoli, a contrastare la camorra”.

Per questo motivo Renzi chiede le dimissioni del vicepresidente del Consiglio: “Se Salvini vuole passare le sue giornate a farsi i selfie e a fare comizi è un suo diritto, ma allora si dimetta dal Viminale e lasci che il governo nomini qualcuno che si preoccupa della sicurezza degli italiani e non delle pagliacciate in piazza”. Un messaggio sottolineato anche nei suoi post sui social, in cui scrive ancora: “Se Salvini vuole passare le giornate ad insultare gli avversari faccia pure. Ma allora lasci che qualcuno nel frattempo faccia il ministro dell’Interno e si occupi di sicurezza”.

Il video dell’ex presidente del Consiglio, di soli 60 secondi, si apre con una premessa d’obbligo, quella riguardante quanto avvenuto alla piccola Noemi a Napoli: “C’è una bambina di quattro anni che è stata colpita dalla camorra in piazza: i nostri pensieri, le nostre preghiere vanno innanzitutto a lei, alla sua famiglia, ai medici e agli infermieri che stanno facendo di tutto per salvarla. E i nostri pensieri vanno a tutte le persone che combattono la camorra quotidianamente: le forze dell’ordine in primis, i magistrati, le istituzioni”. Secondo Renzi, quindi, è proprio chi fa “politica che deve dare il buon esempio”: motivo da cui prende spunto per attaccare il ministro dell’Interno e chiedere le sue dimissioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *