++CARAMBOLA MORTALE++ Diego muore a 23 anni, il dolore di un padre che rivive ancora una volta una tragedia familaire

“Siamo una famiglia sfortunata”, così ha ripetuto a lungo e ossessivamente Stefano Mungianu a tutti quelli che incontrava dopo aver scoperto che in strada giaceva il corpo senza vita di suo figlio Diego, morto a soli 23 anni a causa di un incidente stradale dopo aver perso la madre, scomparsa dopo una lunga battaglia contro la malattia.

Il dramma del giovane si è consumato nel tardo pomeriggio di martedì sulla strada Statale 547 di Guasila, un’arteria che collega il territorio del Medio Campidano con il sud Sardegna. Il ventitreenne Diego Mungianu era alla guida della sua utilitaria, una Fiat Punto, tra Ortacesus e Senorbì quando, per motivi tutti da accertare, ha perso il controllo del mezzo e ha sbandato pericolosamente terminando infine la sua corsa con un terribile schianto contro gli alberi fuori dalla carreggiata.

Un impatto devastante che ha distrutto completamente l’auto senza lasciare scampo al ragazzo. Per lui non c’è stato niente da fare. All’arrivo dei vigili del  fuoco la vettura era quasi irriconoscibile e i pompieri hanno dovuto lavorare intensamente per estrarlo dalle lamiere contorte dell’abitacolo. A quel punto i sanitari del 118 intervenuti sul posto ne hanno solo potuto accertare il decesso. Del resto la carambola in cui è stata coinvolta l’auto è stata drammatica: la vettura è finita prima nella corsia opposta di marcia e poi nel terreno.

Sulla dinamica esatta dell’accaduto indagano ora i carabinieri che hanno effettuato anche i rilievi del caso. Al momento sembra si tratti di un incidente autonomo. È probabile che un ruolo fondamentale lo abbia avuto l’asfalto reso viscido dalla pioggia che in quel momento batteva in zona. Sulla carreggiata comunque non sono stati trovati segni di frenata. Sconvolto il padre del 23enne che è accorso sul posto dopo essere stato informato dell’incidente e ha capito che non c’era più nulla da fare.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *