Panico sul Ryanair: uomo prova ad aprire il portellone. “Voglio uccidervi tutti”

A un passeggero Ryanair è stato vietato di volare con la compagnia aerea irlandese dopo aver minacciato di uccidere tutti a bordo tentando di aprire le porte dell’aeromobile. L’uomo stava volando da Manchester a Gran Canaria quando a un certo punto ha iniziato a dare in escandescenza aggredendo i passeggeri e i membri dell’equipaggio. Secondo quanto riportato da un testimone, il passeggero ha iniziato infatti a gridare e a gettare oggetti sul pavimento.

Ha preso l’estintore dal muro e ha minacciato di colpire un membro dell’equipaggio di cabina. L’hostess presa di mira era la 27enne, Jodie Fisher, che volava insieme alla sorella, terrorizzata e immobile durante l’aggressione dell’uomo.

Ha anche affermato che l’uomo ha tentato di aprire le porte dell’aereo, strappato l’orologio dal suo polso e mordendo la sorella sul braccio. “Ucciderò ognuno di voi”, avrebbe detto l’uomo. “Oh, pensi che sia divertente? Farò letteralmente bruciare la tua casa. Te lo prometto ora.
Combatterò letteralmente ognuno di voi e ucciderò e non pensate che stia scherzando” sono state le parole pronunciate dal passeggero.

“L’equipaggio di questo volo da Manchester a Gran Canaria (4 maggio) ha richiesto l’intervento della polizia all’atterraggio dopo che un passeggero ha avuto un episodio psicotico”, ha detto Ryanair in una nota.
“A questo passeggero è stato vietato di viaggiare a bordo della Ryanair”. La compagnia aerea ha fatto sapere di aver già preso seri provvedimenti nei confronti dell’uomo che ha tentato di aprire il portello durante il volo.

“I passeggeri e l’equipaggio hanno dovuto tenerlo a terra per circa 45 minuti – è stato terribile” ha raccontato l’hostess che è stata aggredita. Il presunto dirottatore è stato bloccato, seppure – riportano i testimoni – non abbia mai smesso di lottare e di minacciare che avrebbe lottato con tutte le sue forze per liberarsi e uccidere tutti. La polizia aeroportuale ha preso in custodia l’uomo e sta effettuando i dovuti accertamenti sull’accaduto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *