Paralisi del sonno, tutta colpa del fantasma Pandafeche: sai di cosa si tratta?

Avevate mai sentito parlare della paralisi del sonno? Si tratta di un fenomeno piuttosto misterioso e per certi versi anche inquietante,che stando a quanto emerso potrebbe colpire dal 10 al 40% delle persone nel corso della vita.Sostanzialmente si tratta di quelle situazioni durante il sonno in cui ci si sveglia da un sogno e si è praticamente incapaci di muoversi. Molto spesso, questo strano fenomeno è più conosciuto come l’attacco della Pandafeche,ovvero un essere soprannaturale che prende le sembianze di una strega o meglio di una bestia demoniaca, considerata secondo la tradizione popolare proprio la causa dell’immobilismo.

La paralisi del sonno colpisce una persona mentre si risveglia dalla fase Rem del sonno ovvero quella fase nella quale si sogna e durante la quale la sensazione avvertita è proprio quella dell’essere immobilizzati. Secondo quanto emerso da un recente studio internazionale condotto dall’Università della California e l’Università di Harward negli Stati Uniti, che tra l’altro verrà presentato il prossimo 10 luglio nel corso di un Congresso europeo della Psicologia a Milano, all’Università Bicocca, è possibile dare un’interpretazione culturale alla paralisi del sonno. Da questo studio, è emerso che il 38% delle personeesaminate credono che realmente questa situazione strana venga causata da una creatura soprannaturale, mentre il 28% era certo che tale paralisi fosse causata dalla Pandafeche, che come anticipato si tratta di una creatura mitologica, più simile ad una strega o bestia.

“Il nostro è il primo studio che ha mostrato come una larga percentuale della popolazione generale in Italia avalli spiegazioni sovrannaturali della paralisi del sonno e che ha riportato una specifica interpretazione culturale del fenomeno in Italia chiamato appunto attacco della Pandafeche”, ha dichiarato il dott.Andrea Romanelli, del Dipartimento di Psicologia generale dell’Università di Padova. 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *