Va in ospedale con una grave infezione e si risveglia con una figlia: choc puro

Lisa Davey, una professoressa di 27 anni, aveva contratto la sepsi e stava malissimo. La donna, appena ha iniziato a manifestare il suo malessere, è andata al pronto soccorso del Blackpool Victoria Hospital con una presunta infezione addominale. Era l’Aprile del 2018 e la donna stava per ricevere la notizia più scioccante della sua vita.

I medici, quando l’hanno visitata, hanno notato che la donna aveva una pancia leggermente pronunciata ma hanno pensato che si trattasse di un fatto legato alla presunta infezione. Ma quando la donna viene sottoposta ad accertamenti, la verità viene a galla.

La ragazza era incinta di 26 settimane e aveva sviluppato la sindrome di Hellp, una patologia rara che va presa seriamente, perché può avere conseguenze piuttosto gravi per la mamma e il bambino. Il suo nome è un acronimo, è l’elenco dei sintomi che si ritrovano in questa sindrome: anemia emolitica (h), elevazione dei valori degli enzimi epatici (el) e basso numero di piastrine.

La situazione di Lisa e della sindrome di Hellp era peggiorata terribilmente dopo aver contratto la sepsi. Così, per salvare madre e bambino, i dottori decidono di praticarle un parto cesareo. Quando Lisa si risveglia scopre di essere diventata madre. Per lei è uno choc totale: la ragazza non sospettava minimamente di essere incinta e quella notizia la sconvolge. Sa che, però, sua figlia – che decide di chiamare Danielle – è una miracolata. Dopo il parto, la mamma e la bimba vengono trasferite in terapia intensiva.

Prima del malore che l’ha portata in ospedale, Lisa non sapeva di essere incinta e lavorava 80 ore a settimana. Sì, 80. “Ho sollevato scatole pesanti per 80 ore a settimana – ha detto Lisa al Sun – se solo avessi saputo di essere incinta… Ma non potevo saperlo perché non avevo sintomi, nessuno”. Ora dalla nascita della bimba sono passati 10 mesi: sia lei che la sua mamma stanno bene e si godono l’amore reciproco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *