Esplode macchina del caffè, Antonio muore davanti agli occhi del figlio

Tragico incidente sul lavoro a Rivara. Un uomo di 60 anni, operaio incaricato di sostituire la macchina del caffè di un ristorante, la Trattoria del Ponte, è morto sotto gli occhi del figlio 25enne, dopo essere stato colpito da una scarica elettrica che ne ha provocato l’arresto cardiaco.

L’esplosione si è verificata intorno alle 16,30, nel bar Trattoria del Ponte in via Forno 36, a Rivara, in provincia di Torino. A dare l’allarme sono stati i titolari dell’esercizio commerciale. Come detto, insieme all’operaio c’era anche suo figlio di 25 anni, che, nel tentativo di soccorrerlo, ha preso la scossa ed è rimasto ferito, fortunatamente in maniera lieve: è stato trasportato in elicottero al pronto soccorso dell’ospedale Cto di Torino.

Secondo le prime informazioni, padre e figlio sono dipendenti di una ditta specializzata nella manutenzione delle macchine del caffè: il grosso dell’intervento era stato effettuato nella mattinata, mentre nel pomeriggio i due erano tornati per completare il lavoro. Un lavoro che l’uomo deceduto e il figlio facevano praticamente tutti i giorni e più volte al giorno, solo che questa volta qualcosa è andato storto e una normale giornata di lavoro è purtroppo finita in tragedia

La vittima, Antonio Perissinotto, residente a Beinasco, è un operaio di una ditta esterna che doveva sostituire la macchina del caffé del bar Trattoria del Ponte in via Forno 36, a Rivara. I sanitari del 118 hanno cercato a lungo di rianimare l’uomo ma non sono riusciti a salvargli la vita. Sull’accaduto sono in corso le indagini dei carabinieri di Rivara e Corio.

Come detto il padre e figlio lavoravano insieme e il grosso dell’intervento l’avevano fatto stamattina ma nel pomeriggio, intorno alle 16,30 erano tornati in trattoria per completare la manutenzione. Secondo quanto raccontano i media locali è ancora da chiarire che cosa abbia provocato la scarica elettrica che ha ucciso l’operaio.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *