Il patrigno abusa della bambina per 2 anni, ma questi motociclisti decidono di fare la cosa giusta

Nessun bambino dovrebbe soffrire a causa di un adulto. Quando Fia aveva 10 anni, ha vissuto il peggiore degli incubi: la madre si è sposata con un uomo che in seguito si è rivelato essere un mostro.

Il patrigno ha iniziato ad abusare sessualmente della piccola Fia, un nome di fantasia.

Fia era una bambina felice, ma dopo le violenze del patrigno, ha smesso di mangiare e di dormire. Viveva nel terrore.

Ma Fia era una bambina forte. Dopo due anni ha trovato il coraggio di raccontare alla madre tutta la verità. Quest’ultima ha denunciato il marito, ma ci sono voluti tre anni prima che il processo potesse cominciare.

Nonostante l’arresto del mostro, Fia e i suoi fratelli non riuscivano a darsi pace. Il processo sembrava non avere mai fine e Fia ha iniziato a peggiorare. Si faceva la doccia vestita, chiudeva sempre le porte a chiave e ogni notte aveva incubi terribili.

Poi ha incontrato il motociclista Tombstone.

Tombstone è un membro di BACA (Bikers Against Child Abuse – Motociclisti contro gli abusi sui minori), un’organizzazione no profit che protegge i bambini vittime di abusi fisici e sessuali.

I biker sostengono i bambini con una telefonata, presentandosi al processo o scortandoli a scuola. I membri dell’organizzazione sono sempre disponibili.

Nel caso di Fia, i membri di BACA l’hanno protetta 24 su 24 in modo da farla sentire al sicuro. Durante il processo, i motociclisti si sono presentati in tribunale.

Non volevano che la bambina incontrasse quel mostro senza cuore tutta sola.

Grazie ai bikers, Fia ha trovato il coraggio per raccontare al giudice tutto ciò che era accaduto. Grazie alla sua testimonianza, il patrigno è stato condannato a una pena molto lunga.

Nonostante l’incubo sia finito, i membri di BACA non se ne sono andati – faranno sempre parte della vita di Fia.

Oggi Fia è una studentessa felice, di tanto in tanto va a scuola scortata dai BACA. I motociclisti si sono presentati anche il giorno del diploma!

Fia vuole andare avanti e lasciarsi alle spalle il passato. Tuttavia, sa bene che la sua storia può aiutare tante persone che come lei hanno sofferto l’inferno.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *