“Aveva la bava alla bocca, non respirava… una scena raccapricciante”. Prende il figlio come una furia e quello che gli fa con la scopa è mostruoso. Ma questo è niente, quello che fa dopo è ancora più allucinante. Questa la “colpa” del piccolo

Nessuno avrebbe mai potuto immaginare che sarebbe arrivata a tanti. Chi la conosceva la considerava una donna gentile e gioviale, con un sorriso contagioso. Era così ben voluta che in tanti le affidavano i loro bambini. Ma dietro a questa facciata di bontà, in realtà, si nascondeva un mostro, in grado di uccidere proprio suo figlio. Zarah Coombs, 26enne di Brooklyn, è stata arrestata per aver picchiato a morte con un manico di scopa il piccolo Zamair, 4 anni, che aveva l’unica colpa di aver rotto un uovo facendolo cadere a terra. I fatti si sono svolti mercoledì pomeriggio, mentre la donna era a casa con tre dei suoi quattro figli tra cui Zamair che giocando con un uovo, se lo è lasciato sfuggire dalle mani, frantumandolo in terra. Cosa sia scattato nella testa di questa madre è un mistero: infuriata e fuori di sé ha iniziato a picchiarlo con un manico di scopa fino a quando il piccolo ha smesso di respirare. Poi, in preda al panico, ha messo il corpo in un bidone e lo ha abbandonato in bagno fino all’arrivo del fidanzato, Jamari Richardson, che, secondo degli investigatori, era andato a procurarsi una dose di marijuana.


zara3

Il convivente della donna, una volta a casa, ha tentato di rianimare il piccolo con un massaggio cardiaco fino all’arrivo dell’ambulanza. Quando i medici sono giunti sul posto, le condizioni di Zamair erano disperate, non respirava e aveva la bava alla bocca. Il bimbo è stato trasportato d’urgenza al Brookdale University Hospital dove è stato dichiarato morto cinque ore dopo il ricovero. Secondo il medico legale aveva tagli, contusioni e abrasioni su tutto il corpo: da una prima valutazione, è morto per lesioni multiple

zara2“Ho assistito alla scena dei soccorsi e sono rimasto sconvolto – ha raccontato Ray Moore, 18 anni, un vicino di casa – Zarah era come disinteressata, non mostrava alcun rimorso”. Come riporta Il New York Daily News, in un primo momento la donna aveva raccontato che il figlio era morto dentro il bidone dove lo aveva abbandonato per prendersi cura del bimbo più piccolo. Solo nella tarda serata di mercoledì ha confessato ed è stata arrestata: adesso è accusata di omicidio e possesso illegale di armi. Intanto sul caso è stata avviata un’indagine per capire se l’Administration for Children’s Services possa aver sottovalutato qualche campanello d’allarme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *