GLI UCCIDONO IL CANE E LUI PER IL TROPPO DOLORE SI TOGLIE LA VITA

Notizie tragiche arrivano dalla Danimarca dove un uomo si è ucciso dopo che il suo cane è stato soppresso con l’eutanasia. Il cane è stato ucciso perché incompatibile con la razza permessa della legislazione del paese che ordina il divieto di detenere i pitbull. Il cane non aveva fatto nulla di male, ma viveva in un luogo in cui è considerato di razza sbagliata. Il cane di nome Zanto, apparteneva ad un giovane uomo di 27 anni di nome Dan.

A Dan sono stati concessi otto giorni per dimostrare che il suo cane non apparteneva ad una delle razze vietate del paese ma ovviamente, essendo un pitbull c’era poco da dimostrare. Zanto nella giornata di ieri, è stato strappato da casa dalle autorità per essere ucciso. Troppo sconvolto per continuare con la sua vita e con la sensazione di aver fallito nei confronti del suo cane, Dan ha assunto un’overdose di farmaci per il troppo dolore ed è morto. Da giugno 2014, la Danimarca ha vietato le detenzione di tredici razze di cani che sono: – Pit Bull Terrier – Tosa Inu – American Staffordshire Terrier – Fila Brasileiro – Dogo Argentino – American Bulldog – Boerboel – Kangal – Pastore dell’Asia Centrale – Pastore dal Caucaso – Pastore russo del sud – Tornjak – Sarplaninac Si tratta di una fine tragica e inutile sia per Dan che per Zanto Sarebbe ora che certi paesi la smettessero di stereotipare le razze e di lasciare la responsabilità ai loro proprietari, che la sola colpa che hanno, è quella di amare di un cane.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *