La bambina di 7 anni racconta che una strega viene da lei di notte per farle del male

Abbiamo tutti paura quando siamo piccoli. Può essere un mostro sotto il letto, un clown malvagio nell’armadio, o le streghe cattive … specialmente nell’oscurità. Dietro queste fantasmagoriche presenze c’era sempre la nostra fantasia, ma per la protagonista di questa storia, una bambina di sette anni dell’Oklahoma, negli Stati Uniti, il pericolo era davvero reale. La bambina e i suoi due fratelli anche loro piccoli, vivevano con la nonna,la quale diceva loro che c’era una strega in soffitta che li avrebbe puniti se non si fossero comportati bene. E così è stato. Una notte arrivò una creatura con le dita verdi e una maschera e seminò il terrore in casa. La strega si chiamava Nelda e lei esisteva.Nelda prese la bambina, la legò e la portò a dormire nel garage, e con l’aiuto del suo assistente, Demon Coogro, rase la testa della bambina.

Solo quando la nonna portò la bambina in ospedale perché “non poteva più controllarla” la terribile verità fu scoperta. I medici hanno visto che la bambina aveva tagli, ustioni e lividi su tutto il corpo. Secondo la KFOR , la bambina di 7 anni ha detto alla polizia che sua nonna era solita travestirsi da strega e torturarla, con l’aiuto del suo fidanzato, che si vestiva come un demone. Le prove che la polizia ha trovato nella casa confermavano ciò che la bambina aveva detto.

“ella casa c’erano fruste, catene e un cappello da strega. Una scena orribile per un bambino”, ha detto l’ufficiale di polizia Gary Knight alla KFOR. In una delle occasioni uno dei bambini è riuscito a registrare cosa accadeva di nascosto, con la telecamera del telefonino, si vede chiaramente la strega “Nelda”. Dopo essere stata arrestata, la nonna, Ginevra S. Robinson, è stata condannata a 3 ergastoli per abuso di minori, riferisce The Oklahoman.

E il suo fidanzato a 30 anni di carcere. Ecco il video di seguito, attenzione potrebbe urtare la sensibilità dello spettatore. I bambini sono ora sotto la responsabilità delle autorità. Speriamo che da adesso in poi possano avere un’infanzia felice e l’amore che meritano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *