Si schianta con il suo bambino di 8 mesi. “Un volo di 10 metri, è stata una scena terrificante”. Quando arrivano i soccorsi quello che trovano è spaventoso. Poi, la corsa in ospedale… medici increduli

Una vicenda rocambolesca, degna di un film d’azione. È successo in Texas, negli Stati Uniti, dove una giovanissima mamma ha messo in gioco tutto per poter salvare il suo bambino. Si chiama Jennifer e ha 23 anni. La ragazza si trovava con il suo piccolo di 8 mesi in macchina, come ogni giorno lo stava accompagnando all’asilo. Tutto procedeva come al solito, quando all’improvviso, nell’attraversare un cavalcavia i due hanno avuto un piccolo incidente, fortunatamente per mamma e figlio non è successo nulla, ma Jennifer ha dovuto accostare l’auto, per aspettare la polizia. Poi accade l’imponderabile. Mentre erano seduti in macchina ad aspettare, l’autista di un veicolo che viaggiava sul ponte, ha perso il controllo ed è andato a sbattere su una delle macchine parcheggiate in attesa dei soccorsi. Con l’urto anche la macchina di Jennifer è stata colpita ed è finita oltre il parapetto del ponte ed è precipitata nel vuoto: ad attenderla un vuoto di 10 metri.

Jennifer era sconvolta, ma è riuscita a non perdere completamente la lucidità e ha cercato in ogni modo di proteggere il suo bambino, facendogli da scudo con il suo corpo. L’impatto al suolo è stato terribile, tutti pensavano che la 23enne e il bimbo fossero morti, ma invece il bimbo si è salvato, mentre le condizioni della donna erano drammatiche. Trasportata in ospedale, i medici hanno subito constatato la gravità delle ferite: aveva il bacino, le gambe e alcune costole fratturati, nove ossa della schiena rotte, ferite sulle braccia. Alla fine, la donna ha perso una gamba e ha trascorso diversi mesi in ospedale, impegnandosi nella riabilitazione. In totale ha subito 14 interventi e ha dovuto imparare a camminare con una protesi.

Jennifer ha poi raccontato la sua esperienza e quello che le è passato per la testa: “La mia unica preoccupazione era salvarlo, volevo che stesse bene. Ci ho messo un secondo, quando ho visto che stavamo cadendo, a prenderlo e tenerlo stretto a me, più che potevo”. Alcuni amici hanno aperto una campagna di raccolta fondi su GoFundMe per aiutare questa famiglia a sostenere le spese mediche. Quello che ha fatto Jennifer è stato veramente eccezionale, la testimonianza dell’amore di una donna per il suo bambino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *