“Penso a cosa sarebbe accaduto se i miei figli fossero stati con me…”. Mentre cucina accade qualcosa di assurdo. E finisce in ospedale

In quasi tutte le cucine c’è un robot da cucina che semplifica e velocizza il lavoro di molte mamme, normalmente chi li usa se ne innamora e li ritiene indispensabili, ma certo non pericolosi. Ebbene, la storia che stiamo per raccontarvi lascia davvero senza parole.

bimby1

Una mamma australiana stava preparando per cena un sugo utilizzando un robot da cucina molto diffuso, si trattava di un Thermomix, nome utilizzato in molti Paesi per il famoso Bimby, della stessa casa produttrice.
Dopo aver inserito tutti gli ingredienti correttamente ed aver seguito le istruzioni seguendo la ricetta che oramai era collaudata, la signora Danika rimane in cucina per preparare altre cose mentre il robot è in azione. Verso la fine del processo, sente degli strani rumori provenire dall’elettrodomestico che inizia a vibrare.

A questo punto avviene l’impensabile, il coperchio del robot si apre e Danika è investita violentemente dal liquido ustionante che le provoca ustioni di secondo grado sul corpo. Una vera e propria esplosione. La mamma ustionata è immediatamete portata al pronto soccorso dove viene medicata e curata.

bimby2“Questo robot è usato da tantissime persone, si devono conoscere i rischi e questo modello deve essere immediatamente ritirato”, dice ora la mamma vittima del terribile incidente. Ed ancora: “Penso a cosa sarebbe potuto succedere se i miei figli fossero stati lì con me seduti in cucina…”.

In realtà, il modello TM31, per alcuni numeri di serie in produzione da ottobre 2012 a maggio 2014, aveva già subito un richiamo precedente nel novembre 2015: di fatto non si assicurava la tenuta di una guarnizione del coperchio quando l’elettrodomestico veniva avviato a forte velocità o per eseguire alcune operazioni e si invitavano i consumatori a rivolgersi al servizio clienti per sostituirla gratuitamente.

Eppure, evidentemente, malgrado l’accortezza, l’apparecchio della signora Danika pare abbia continuato ad avere questo difetto di fabbrica che si è manifestato improvvisamente con un forte danno.

Un portavoce dell’azienda produttrice del Thermomix ha dichiarato che stanno cercando di indagare su quanto successo alla signora Jones che però pare non abbia consentito una verifica diretta sull’apparecchio che lei presume malfunzionante: “Siamo venuti a conoscenza dell’incidente e la Thermomix ha cercato di collaborare in ogni modo, abbiamo fatto e continueremo a fare ogni sforzo possibile per lavorare con la signora Jones per comprendere cosa sia accaduto. Sfortunatamente però la signora Jones ha declinato ogni nostra richiesta di poter fare delle indagini dirette sull’elettrodomestico, senza le quali per il produttore è impossibile stabilire la causa dell’incidente con certezza, può succedere infatti che l’elettrodomestico non venga usato correttamente.”

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *