Giovanni Ciacci: “Pamela di’ le cose come stanno perché non hai mai tradito”

La verità deve venire a galla. Per il bene di Pamela Prati. Ne è convinto Giovanni Ciacci, esperto di stile nel programma di Raidue Detto fatto: come tanti spettatori vuole sapere se Marco Caltàgirone – misterioso ex promesso sposo dell’attrice – esiste davvero. Un dubbio nato dopo la “denuncia” del sito Dagospia, secondo cui l’imprenditore è solo “un’invenzione” mediatica creata per rilanciare l’immagine della Prati.

Prati: «Mi sposerò senza raccontarlo»

A ingigantire il caso, accreditando di fatto i sospetti, l’annullamento delle nozze previste lo scorso 8 maggio, durante le quali Caltagirone sarebbe dovuto uscire finalmente allo scoperto. E invece nulla. Anzi, la storia sembra ora essere arrivata misteriosamente al capolinea. Che le polemiche di queste settimane abbiano avvelenato a tal punto la loro relazione? Giovanni Ciacci vorrebbe proprio sapere come stanno veramente andando le cose.

Giovanni, che idea ti sei fatto di questa storia?

«Prima o poi dovrà uscire la verità. Spero che Pamela la dica, lo deve al suo pubblico. Lei è una grande artista e in quarantanni di carriera non ha mai tradito i telespettatori. Non mi sembra carino che lei non dica la verità, se questo fidanzato non esiste. Se invece Marco Caltagirone esiste, io sarei la persona più felice del mondo e le farei i miei più grandi auguri per il loro matrimonio».

Vuoi fare un appello a Pamela?

«Sì, vorrei dirle: “Pamela di’ le cose come stanno perché non hai mai tradito il tuo pubblico, che ti è sempre stato fedele in tanti anni di televisione. Che cosa sta succedendo? I telespettatori se lo chiedono”. Inoltre le vorrei dire che questa vicenda non fa bene alla sua carriera e alla sua immagine. Bisogna essere leali con il pubblico».

Che cosa intendi dire?

«Lei non ha mai detto bugie, quindi deve dire la verità: per il suo bene, per la sua carriera e per la sua credibilità.

Pamela è andata dalla d’Urso a dire che si sarebbe sposata con Caltagirone…».

E invece le nozze sono state annullate.

«Sì… E voglio dire un’altra cosa a Pamela. Quale uomo, vedendo la propria futura moglie in una difficoltà così grossa, non uscirebbe allo scoperto? Cara Pamela, se questo è davvero il tuo fidanzato, scappa a gambe levate!».

«Se lui ti amasse sarebbe accanto a te»

Marco Caltagirone si è limitato a telefonare a Live – Non è la d’Urso.

«Sì, ma non si è fatto vedere. Se uno ama una persona e la vede in difficoltà, si mostra insieme al documento. A quel punto lui potrebbe dire che nessuno lo rivedrà e che la sua donna deve essere lasciata in pace. Quindi l’appello non lo faccio solo a Pamela, ma anche a Marco Caltagirone: “Se la ami davvero, esci allo scoperto, perché così le stai facendo del male”. Sempre che Marco Caltagirone e- sista, perché a questo punto mi è sorto qualche dubbio».

Secondo te è tutta una montatura o, come dice qualcuno, la Prati e Calta- girone sono solo vittime delle malelingue?

«Io non voglio giudicare. Voglio solo capire che cosa stia succedendo. A Pamela chiedo di svelare solo la verità. Lei sa ciò che deve o non deve dire. Un momento di défaillance può capitare proprio a tutti: scagli la prima pietra chi è senza peccato».

A onor del vero, Pamela Prati ha dichiarato che Marco Caltagirone esiste e ha detto anche che chi non crede a questa storia è solo malpensante.

«Però l’8 maggio non si è sposata, quindi i fatti “stanno a zero”. Pamela deve spiegarci la verità, mentre a Marco Caltagirone voglio dire che la riservatezza non vale certamente quanto la dignità della sua donna».

Loading...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *