Violenta neonato di 3 settimane. Poi va avanti per mesi. E filmava tutto

Quest’uomo, che ha molestato un neonato per mesi, è svenuto in tribunale dopo essere stato condannato a 260 anni di carcere. Thomas Goodman, 45 anni, si è accasciato su un tavolo nell’aula di tribuale a Providence, nel Rhode Island, mentre il giudice John McConnell leggeva la sua sentenza, 160 anni più lunga di quella richiesta dal pubblico ministero.

Subito dopo essere arrivato in aula, Goodman ha ascoltato stizzito mentre gli sono state riconosciute otto sentenze da 30 anni e un periodo di 20 anni che sarà scontato consecutivamente. L’imputato ha filmato se stesso molestando un neonato da quando aveva tre settimane fino all’età diciotto mesi, in base a quanto riferito dal quotidiano Providence. L’uomo ha filmato migliaia di clip di se stesso mentre abusa del piccolo, e di altre due ragazze di sei e dodici anni. Per poi condividere il tutto online.

Goodman è stato arrestato nel maggio 2018, quando il suo cellulare è stato confiscato dai boss della compagnia di sicurezza in cui lavorava dopo aver violato le regole che impedivano ai dipendenti di utilizzare i propri dispositivi al lavoro. I datori di lavoro hanno trovato la memoria dello smartphone piena di filmati pornografici che immortalavano minori, consegnando prontamente il cellulare alle autorità.

La polizia ha stabilito che Goodman era in possesso di circa 7.800 immagini di abuso e 370 video. Almeno 135 foto e 62 video hanno coinvolto bambini in età prepuberale, da settembre 2007 a febbraio 2018. L’uomo ha ammesso otto capi di produzione di pornografia infantile.

Il procuratore Lee Vilker ha dichiarato che questa è stata di gran lunga la peggiore situazione che avesse mai incontrato durante il suo esercizio. Matthew Dawson, l’avvocato, ha chiesto che il suo cliente venisse condannato a 22 anni di carcere e ha affermato che il pedofilo è stato anche maltrattato da un insegnante quando era bambino, costruendo su questa dichiarazione la sua difesa.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *