Stuprata da 100 uomini resta incinta a 12 anni: è solo l’inizio dell’orrore

Nei giorni in cui le forze occidentali mettono forse a segno il punto decisivo contro l’Isis ecco che viene a galla la storia terribile di Marwa Khedr. Un storia che unisce sconcerto e disgusto e butta un’ombra oscura sul significato più profondo della parola ‘essere umano’. Marwa Kheder, racconta il Daily Mail, è un ragazza irachena rapita insieme alla zia dall’Isis. Marwa Kheder aveva solo 10 anni quando è stata costretta a partorire, nella regione di Sinjar, in Iraq.

Nel 2014, i miliziani dell’Isis sono arrivati nel villaggio della ragazzina e hanno radunato tutte le famiglie: gli uomini sono stati sepolti vivi in una fossa comune, mentre le donne e i bambini sono stati portati in una città vicina nel nord del Paese, dove sono stati divisi in base alla loro età. Le ragazze considerate più di ‘valore’, per essere poi vendute, sono state quelle tra i dieci e i 20 anni. In questo gruppo è rientrata anche Marwa Kheder, una ragazza che fa parte del gruppo degli yazidi perseguitati dall’Isis.

Dopo anni la zia della ragazza è riuscita finalmente a scappare da Bahguz e ha raccontato al Daily Mail di aver visto per l’ultima volta sua nipote nel mercato di una città, prima che la portassero a Raqqa, roccaforte dell’Isis. Dopo qualche mese, un amico ha raccontato alla zia di aver visto di nuovo Marwa ed era incinta, nonostante la sua giovanissima età.

Ora non si sa dove si trovi la ragazza. Quello che può essere successo prova a spiegarlo anche un’ex maestra che ora è tornata a casa, riuscendo a scappare dall’Isis: “Ci sono molte ragazze come lei. Non è terribile solo che lei sia incinta, ma questa giovane ragazza potrebbe essere stata stuprata da 100 uomini prima di essere incinta”. 

È ancora la zia a spiegare cosa avviene una volta che si viene rapiti dall’Isis: lei è stata costretta a sposarsi più volte, è stata venduta a molte persone, ha ricevuto minacce per le figlie di soli 8 e 9 anni. “Un uomo mi ha avuta per tre giorni, poi mi ha venduto di nuovo. Mi hanno anche tenuta sottoterra per due mesi”, racconta ancora. Spiegando come le donne venissero comprate dai loro mariti e picchiate in ogni modo. Da loro ma anche dai loro figli. E ora, a inizio mese, la donna è finalmente riuscita a scappare.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *