Soffocata, percossa e “seppellita” viva. Il calvario di Tammy: una vacanza divenuta inferno

Una donna di 51 anni è sopravvissuta ad un calvario di 8 ore, durante le quali è stata soffocata, percossa e “seppellita” viva. Tammy Lawrence-Daley, dello Stato del Delaware, Stati Uniti, è stata colpita mentre era in vacanza con il marito e gli amici nella Repubblica Dominicana. Mercoledì ha caricato foto su Facebook le strazianti che mostrano i danni devastanti subiti alla faccia nell’attacco, avvenuto a gennaio. “Come spieghi ai tuoi figli che sei stata quasi uccisa da uno sconosciuto e che la mamma sta tornando a casa, ma non sembra più la stessa?”.

La donna afferma di essere stata attaccata mentre camminava lungo un corridoio al resort Majestic Elegance di Punta Cana, nel Paese caraibico. “Prima che potessi reagire sono stata afferrata da dietro e immediatamente immobilizzata. Non ho intenzione di entrare nei dettagli cruenti, tuttavia, sappiate che ho combattuto con tutto quello che avevo a disposizione in quel momento. Era troppo forte. Le successive otto ore sono state di dolore e paura”. Tammy sarebbe stata trascinata in un’area sotterranea di acque reflue e soffocata più volte, presa a calci e picchiata con un bastone. Poi il suo corpo è stato scaricato in un’area che ha chiamato “il buco”. “In qualche modo sono sopravvissuta, non voglio ricordare tutto l’inferno passato fondamentalmente ‘sepolta’ in quel buco infernale per così tante ore” afferma.

Tammy è stata sottoposta ad un intervento chirurgico a causa dell’aggressione e soffre ancora di danni ai nervi. Ha denunciato la Majestic Elegance per aver, non solo non pagato non le sue spese mediche, ma addirittura neanche rimborsato la vacanza. La 51enne ha esortato le altre donne a “non camminare da sole in luoghi sconosciuti”. “Quest’uomo pensava che mi avrebbe ucciso, ma ha fallito: è ancora là fuori, un predatore, in attesa della sua prossima vittima, la donna successiva potrebbe non essere così fortunata” dice.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *