Insegnante ingerisce una busta di cocaina in aeroporto e muore

Victoria Buchanan, madre di tre figli e insegnante di inglese di 42 anni, è morta dopo aver ingoiato una busta piena di cocaina mentre aspettava di imbarcarsi su un volo per Dubai. La notizia è stata riportata dal Daily Mail. La donna stava sorseggiando un bicchiere di champagne in aeroporto, dopo aver completato tutte le procedure dell’imbarco, quando ha ingoiato la droga. Una volta giunta nel suo stomaco, questa si è aperta, facendo fuoriuscire il contenuto che l’ha portata al decesso.

Victoria stava facendo ritorno a Dubai dopo una breve visita per motivi familiari nel Regno Unito insieme al marito, proprietario di una compagnia di spedizioni. Poco prima di partire, la donna ha acquistato 300 sterline di cocaina. Ha ingoiato la quantità che le era rimasta, ma poco dopo averla assunta ha perso i sensi ed è andata incontro a un violento attacco epilettico a causa della rottura della busta nel suo stomaco.

In un primo momento, le autorità del Manchester Airport hanno pensato a una reazione anafilattica e le hanno somministrato l’EpiPen che hanno trovato nella sua borsa (teneva il farmaco sempre con sé a causa di un’allergia all’olio di palma), ma l’intervento si è rivelato inutile. La 42enne è morta poco dopo esser giunta al pronto soccorso dell’Wythenshawe Hospital. Solo l’autopsia ha rivelato la vera causa della morte. “Non ho idea del motivo per cui Victoria ha scelto di ingoiare una busta di cocaina esponendosi ai rischi conseguenti. A cosa stava pensando?”, ha commentato Andrew Bridge, l’assistente del medico legale.

“Sapevamo che sporadicamente assumeva cocaina, è una cosa che facevamo insieme di tanto in tanto”, ha ammesso il marito. Ma l’uomo esclude che la moglie avesse deciso di diventare un corriere della droga: “Se qualcuno le avesse chiesto di ingoiarla per introdurla illegalmente a Dubai si sarebbe sicuramente rifiutata, a meno che qualcuno non l’abbia ricattata“.

La donna, originaria di Kilmarnock, in Scozia, si era trasferita a Dubai con il marito nel 2010, dove lavorava come insegnante di inglese. Era nota per il suo impegno a favore di una onlus che si occupa di migliorare il livello di educazione dei bambinipiù poveri in Nepal.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *