“Oggi vivo così”. Il dramma di Marco Columbro

Nelle ultime ore il nome di Marco Columbro è apparso su molti siti e quotidiani. Sono infatti iniziate a circolare voci su presunti problemi economici dello storico conduttore Mediaset e la notizia che lo scorso anno Silvio Berlusconi ha comprato la sua villa di Basiglio, a Milano 3, dove Columbro attualmente vive. Il presentatore, che negli anni ’80 e ’90 era famosissimo e sempre in tv e oggi ha 68 anni, ha quindi rilasciato una lunga intervista al Corriere della Sera in cui ha parlato della sua carriera tv e smentito i rumor sulla sua situazione economica.

A proposito di Berlusconi, invece, ha dichiarato: “Non ne voglio parlare. Posso dire solo che vivo ancora nella villa dirimpetto ad Alba Parietti, di cui scrivono, e che Berlusconi è la persona più generosa che conosca”. 

Per quanto riguarda invece il rapporto lavorativo con Berlusconi, Columbro ha ricordato: “Abbiamo creato successi come Tra moglie e marito, Paperissima, Scherzi a parte, la fiction Caro Maestro… Ero un giorno sì e uno no a casa sua coi girati: li faceva vedere a figli, moglie, camerieri e, se si divertivano, era la prova che sarebbero piaciuti al pubblico”. Nel 2003, poi, il conduttore è stato colpito da un ictus ed è praticamente sparito dalla tv. (Continua dopo la foto)

Oggi Marco Columbro si occupa di tutt’altro: “Faccio sostanzialmente due cose. Mi occupo di una locanda in Toscana, in Val d’Orcia, con 18 ettari di bosco e ospiti tutti affascinati dal silenzio. La gestiscono amici albergatori, ma m’impegna tanto. L’anno scorso non si è presentato il cuoco e per un mese e mezzo ho cucinato io. Avrei preferito mille prime in teatro: non dormivo la notte per l’ansia da prestazione”, ha raccontato sempre al Corriere. Ma perché, dopo aver vinto 13 Telegatti, Marco Columbro (che ha subito 2 interventi per aneurisma ed è stato per 20 giorni in coma) è sparito dal piccolo schermo? “Non ne ho idea – ha detto al Corriere – Per cinque o sei anni, ho bussato a tutte le porte, invano. Poi me ne sono fatto una ragione: la vita è fatta di cambiamenti. Ho fatto teatro fino a quattro anni fa, poi televendite di condizionatori, ma si vede che il mio destino erano studio e conoscenza”.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *