Massacrata davanti alla figlia di 11 anni, ancora un ‘femminicidio’ in Italia

Una donna di 35 anni è stata trovata morta in una casa di via Palmarola, a Cisternadi Latina. A quanto risulta è stata uccisa. Sul posto di carabinieri e i sanitari del 118. La tragedia è avvenuta questa mattina nella zona residenziate del quartiere San Valentino, una sequenza di vellette a schiera con il giardino. Non si sa ancora nulla di quanto accaduto, se non con che una giovane donna è stata trovata all’interno della villetta senza vita. I vicini alle 9 hanno visto l’auto medica del 118 davanti alla casa e entrare alcuni parenti della signora. La donna deceduta è sposata, la coppia ha una figlia di 11 anni. Pochi minuti fa i carabinieri hanno disposto il sequestro dell’auto del marito, è arrivato di fronte al civico 16 il carroattrezzi per portare via il mezzo parcheggiato di fronte all’abitazione di famiglia, si tratta di una Bmw station wagon nera.

Sul posto anche il magistrato inquirente della Procura di Latina, il dottor Andrea D’Angeli, accompagnato all’interno della casa dal capitano dei carabinieri Pierluigi Mascolo del Reparto territoriale di Aprilia.

Il marito della giovane vittima si trova in caserma dove i carabinieri lo stanno interrogando. Quello di Cisterna è purtroppo solo l’ultimo caso. Secondo le statistiche dell’Istat, negli ultimi 25 anni il numero di omicidi di uomini è diminuito drasticamente, mentre le vittime donne di omicidio sono rimaste complessivamente stabili (da 0,6 a 0,4 per 100.000 femmine).

“Per i maschi – scrive l’Istat -, sebbene l’incidenza degli omicidi si mantenga tuttora sempre nettamente maggiore rispetto alle femmine, i progressi sono stati molto visibili. Per le donne, che partivano da una situazione molto più favorevole, la diminuzione nel tempo ha invece seguito ritmi molto più lenti, fino ad arrestarsi”.

I dati del Censis sembrano dare ragione alle associazioni contro la violenza di genere: dal 1° agosto 2017 al 31 luglio del 2018 sono stati 120 i delitti in cui la vittima è stata una donna. Praticamente ogni tre giorni in Italia c’è una donna che viene uccisa. Di questi 120 delitti, ben 92 sono avvenuti nell’ambito familiare o per mano di un partner o di un ex, persone che spezzano vite in nome di un amore spesso malato e non più corrisposto. Il dato emerge dall’ultimo rapporto del Censis, realizzato con il contributo del Dipartimento per le Pari Opportunità, con una campagna di sensibilizzazione contro stereotipi e pregiudizi e una mostra fotografica sul valore sociale della donna. Nel 2019 l’associazione “In quanto donna” ha contato finora 27 casi di femminicidio. Una cosa è certa: per fermare la strage delle donne c’è ancora molto da fare.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *