«Sono incinta di un maiale» Perde la sua verginità con un suino

«Sono incinta di un maiale» Perde la sua verginità con un suino. La notizia non ha trovato riscontri ma è stata ripresa da diversi siti online. Vi proponiamo la storia ma senza fonti attendibili quindi da prendere con le pinze come storia di satira/divertente!

Una donna incinta di sette mesi ha dichiarato di essere stata violentata da un suino, di aver perso con l’animale la sua verginità e di essere rimasta incinta. La donna ha riferito che stava tornando a casa quando un maiale di oltre 400 chili le è saltato addosso e l’ha violentata.

“La gente pensa che io sia pazza e che abbia bisogno di aiuto mentale a causa della mia storia”, dichiara la donna che cerca di portare avanti il suo strambo racconto.
Quando le viene chiesto come avrebbe fatto il maiale a toglierle le mutandine, dichiara che non ne indossava alcuna. La donna ha dichiarato inoltre che il maiale l’aveva già incontrata diverse volte sempre nella stessa zona e che spesso le annusava i genitali.

Addirittura il suino avrebbe provato a violentarla per un centinaio di volte.
La donna, per il suo credo religioso, avrebbe voluto non fare sesso prima del matrimonio. Tuttavia le cose le sono andate storte ed ha perso la sua verginità con un maiale.

Il padre ha dichiarato, in un’intervista su un giornale locale: “Angie sa che non può avere rapporti sessuali fino a quando non è sposata e ha promesso che non ne ha avuti. Pete (il nome del maiale, ndr) è sempre stato un po’ cattivo e molto difficile da gestire la maggior parte delle volte … non mi sorprende che questo stupro sia avvenuto, sono sorpreso che ci sia voluto così tanto tempo, se devo essere sincero”.

Il padre ha inoltre dichiarato di aver inviato il maiale al macello per farne salsicce e pancetta e che la sua carne sta contribuendo ad alimentare Angie e il suo bambino dato che, in questo momento sensibile della gravidanza, “ha bisogno di un sacco di carne in più”. Aggiornamento Aprile 2019: Abbiamo visto che la notizia è stata recensita da diversi siti specialistici ed è stata flaggata come bufala. Quindi come avevamo anticipato prendetela come una semplice storia divertente, inventata da qualche burlone online.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *