Morta Yovanny, la bimba estratta dal grembo della mamma con un coltello da macellaio

La piccola Yovanny Jadiel Lopez, la bimba estratta dal grembo della madre con un coltello da macellaio dopo che questa era stata uccisa, non ce l’ha fatta. La comunicazione è arrivata dal portavoce della famiglia della donna, uccisa alcune settimane fa.

La bambina è deceduta  questa mattina intorno alle 5 al Christ Medical Center di Oak Lawn. Yovanny Jadiel Lopez è morta dopo esser stata diverse settimane attaccata a macchinari.

Era ancora attaccata a tubi e macchine, quando le sue condizioni sono improvvisamente peggiorate. I medici, purtroppo, non hanno potuto fare nulla per intervenire e salvarla: le lesioni cerebrali riportate al momento della sua estrazione e della degenza si sono rivelate troppo gravi e profonde. (Continua a leggere dopo la foto)

Le condizioni della bambina erano già disperate dallo scorso 23 aprile: “È con grande tristezza che informiamo della scomparsa della piccola Yovanny Jadiel Lopez, morta questo venerdì 14 giugno 2019 per il un grave danno cerebrale”, queste le parole con cui, in una nota, la famiglia ha annunciato la sua prematura morte. La piccola era stata brutalmente strappata dal ventre della mamma in seguito all’omicidio di quest’ultima, avvenuto il 23 aprile nella sua abitazione per cause ancora da accertare.

Per il barbaro delitto, che ha profondamente scosso l’opinione pubblica, sono state incriminate Clarisa Figueroa, 46 anni, e sua figlia, Desiree Figuroa, 26 anni. Da settimane la piccola Yovanny  versava in condizioni disperate. Le sue probabilità di sopravvivenza erano minime; purtroppo il suo cuore ha cessato di battere questa mattina.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *